Login | Registrati | Recupera password
0/0

Indoxen per aumento liquido amniotico

(archivio consulti: per vedere la pagina aggiornata clicca QUI)
  1. #1
    Utente donna
    Iscritto dal
    2007

    Indoxen per aumento liquido amniotico

    Gentili medici, ho 31 anni e mi trovo alla 23+6 settimana di gestazione. Alla 21+3 ho eseguito l'eco morfologica che ha messo in evidenza solo la presenza di liquido amniotico aumentato (AFI 180) con parametri fetali del tutto normali, pertanto il mio ginecologo, sospettando una predisposizione al diabete gestazionale, mi ha chiesto di eseguire la curva glicemica (100 gr glucosio), che ha dato il seguente esito: a digiuno 67, dopo 30' 140, dopo 60' 150, dopo 90' 136, dopo 120' 113, dopo 150' 116 e dopo 180' 106. Consultato di nuovo il mio ginecologo, mi ha risposto che c'è un'alterazione dei valori ed una predisposizione al diabete gestazionale, quindi mi ha chiesto di mettermi a dieta evitando dolci e limitando i carboidrati (ne assumo max 130 gr al giorno). Fatta la dieta, dopo 15 giorni ho eseguito nuovo controllo ecografico alla sett. 23+4, nel quale veniva riscontrata sempre la presenza di liquido amniotico aumentato. Adesso il ginecologo mi ha prescritto l'Indoxen (dal 12/11 ai primi di gennaio), per far diminuire il liquido amniotico, ma ho paura che possa far male alla bambina, come mi devo comportare? cosa rischio se lo assumo o non lo assumo? Vi prego di rispondere alla mia richiesta perché non so proprio cosa fare. Vi ringrazio in anticipo per la disponibilità.



  2. #2
    Indice di partecipazione al sito: 516 Medico specialista in: Ginecologia e ostetricia

    Risponde dal
    2007
    Il riscontro di polidramnios è inusuale in questa epoca della gestazione; di abitudine, infatti, esso compare dopo la 26a settimana.

    In caso di polidramnios è importante escludere anomalie del S.N.C., della faccia e del labbro superiore, del collo, del torace, del tratto digerente e del sistema scheletrico: le malformazioni di tali distretti, infatti, possono essere associate ad un aumento del liquido amniotico. E' necessario, inoltre, valutare sempre la presenza di regolari movimenti fetali.

    Va ricordato che in questi casi è fondamentale escludere alterazioni del metabolismo materno (diabete) che possono determinare anche un aumento della crescita fetale.

    Nel caso trattato non sono state osservate anomalie fetali associate; occorrerebbe sapere se anche le biometrie fetali sono state riscontrate in aumento rispetto alla media.

    Nella maggior parte dei casi il polidramnios è idiopatico (non se ne conosce la causa) ed è benigno, almeno fino a livelli di AFI non superiori al 95° percentile per l'epoca.
    La scelta di ridurne la formazione con Indometacina dev'essere considerata solo alla luce della normalità del soma fetale.
    Tale scelta terapeutica non è da tutti condivisa.




  3. #3
    Utente donna
    Iscritto dal
    2007
    La ringrazio per la repentina risposta e per le sue osservazioni. Per quanto riguarda i parametri di biometria fetale, posso trasmetterle i dati relativi all'ultima ecografia effettuata (settimana 23+4) che non ha riscontrato nessun tipo di malformazione (presenza di stomaco, reni, vescica, fegato, palato ecc.):
    DIAMETRO BIPARIETALE MM 59;
    DIAMETRO CEREBELLARE TRASVERSO MM 24;
    TRIGONO MM CO 4;
    CIRCONFERENZA ADDOMINALE MM 173;
    LUNGHEZZA FEMORE MM 41;
    LUNGHEZZA OMERO MM 40;
    PESO ATTUALE STIMATO GR 570
    VALUTAZIONE AUXOLOGICA - CRESCITA FETALE: NELLA MEDIA
    QUANTITA'LIQUIDO AMNIOTICO: AUMENTATO (+)
    ATTIVITA' CARDIACA FETALE: PRESENTE CON RITMO E FREQ. NORMALI 150 B/M.

    In effetti il mio ginecologo mi è sembrato un po' avventato nella prescrizione di una terapia medica con Indoxen, comunque mi ha detto che sono predisposta ad un eventuale diabete gestazionale e che a prescindere da questo dovevo iniziare subito questa terapia per ridurre il liquido amniotico.
    La ringrazio ancora per la sua disponibilita




  4. #4
    Indice di partecipazione al sito: 516 Medico specialista in: Ginecologia e ostetricia

    Risponde dal
    2007
    Ovviamente le decisioni terapeutiche sono esclusivo appannaggio del Medico curante.
    Le formulo i miei più cari auguri.




Discussioni Simili

  1. Liquido amniotico in eccesso
    in Ginecologia e ostetricia
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 27/11/2007, 19:33
  2. Gravidanza gemellare differenza tra i feti
    in Ginecologia e ostetricia
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 17/09/2007, 09:52
  3. Contraccettivi e diabete
    in Ginecologia e ostetricia
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 18/01/2008, 23:18
  4. Un successivo esame
    in Ginecologia e ostetricia
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 25/01/2008, 19:01
  5. Una domanda
    in Ginecologia e ostetricia
    Risposte: 5
    Ultimo Messaggio: 05/04/2008, 09:14
ultima modifica:  13/08/2014 - 0,08        © 2000-2011 medicitalia.it è un marchio registrato di MEDICITALIA s.r.l. - P.I. 01582700090 - staff@medicitalia.it - Fax: 02 89950896