Utente 207XXX
Buongiorno, sono un ex nuotatore agonistico. A 21 anni ho smesso. Poi dai 28 anni in avanti ho ripreso più volte a nuotare per due - tre anni nella ategoria master. Nei periodi di pausa non facevo sport. Ora ho 45 anni. Dal 2005 mi è stata rilevata la presenza di extrasistole sotto sforzo (anche recentemente alla visita medico/sportiva). 4 - 5 anni fa ho eseguito l'esame Holter senza particolari problemi. Solo il cuore un pò grosso (piuttosto tipico dei nuotatori?).
Quello che volevo sapere è se la regolare attività fisica moderata aerobica può apportare dei miglioramenti alle extrasistoli benigne oppure no.

Grazie.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Lo sport non fa bene a nessun cuore, contrariamente a ciò che comunemente si crede. In secondo luogo non tutte le extrasistoli sono uguali, ve ne sono di banali e fastidiose che sonora maggioranza e di minacciose , che sono la minoranza quindi sull Holter ci sara sicuramente scritto che tipo di extra si tratti e , visto che lo ha seguito 6 anni fa, lo ripet.
Così come deve seguire un ecocolordoppler cardiaco ed una nuova prova da sforzo, per verificare se le aritmie tendono ad aumentre in relazione allo sforzo oppure a scomparire.
Cordialità
Cecchini
www.cecchinicuore.org