Utente 191XXX
Salve
Scrivo riportando un problema che mi porto da circa 6 mesi e che si presenta in modo del tutto casuale, sperando che mi possiate consigliare a chi rivolgermi.
Parto dall'inizio, quest'inverno ho avuto una forte influenza che mi ha debilitato per 2 mesi. Nel frattempo stavo attraversando un periodo abbastanza stressante e ne è risultato che spesso mi creavo complessi e quant'altro. Accusavo doloretti che mi hanno portato ad avere, alcune volte, fobia di problemi cario-vascolari. Come si direbbe in gergo comune, ero "esaurito"!
Dopo aver effettuato Analisi del Sangue ( dove però non sono presenti i valori di LDL e HDL ), Radiografia alla Cervicale, consigliata dal mio medico, e una visita medica con ECG sotto-sforzo, per l'idoneità agonistica, pensavo di trovare il problema di questi dolori, cosa che non è stata.
Nel frattempo fisicamente mi sono rimesso, ma questi doloretti continuano a non volersene andare del tutto.
Da circa 2 mesi ho incominciato a fare un pò di palestra a casa, utilizzando dei pesi, un pò di corsa/camminata veloce, ho ripreso ad usare la bicicletta per spostarmi, quasi "incitato" dalla paura di problemi cardio-vascolari. Non fumo e bevo pochissimi alcolici. In questi mesi i dolori che avevo precedentemente sono variati parecchio: da semplice dolore al petto, a formicolio al mignolo della mano sinistra, a sensazione di debolezza dell'avambraccio sinistro fino a sensazione di bruciore nella zona della bocca dello stomaco.
Ora invece mi capita spesso di sentire un fastidio sullo sterno, poco sopra la bocca dello stomaco. Questo fastidio si presenta casualmente, anche in casi in cui non ci penso, quando corro, quando faccio pesi, oppure quando vado a dormire. Alle volte è come se premesse, altre volte mi da la sensazione di una "fascia/benda" che si stira o si accorcia in base ai miei movimenti, alcune volte invece mi da una sgradevole sensazione di mancanza di respiro, come se fosse "saltato" qualcosa, seguita subito dopo da una reazione, quasi istintiva, di tossire , spesso con catarri. La cosa più plausibile che mi sia venuta in mente è che abbia avuto una sorta di broncopolmonite e che per via dell'avvicinarsi dell'estate, stia buttando fuori tuttio.
Non so se pensare che sia un problema muscolare, oppure un problema digestivo, respiratorio oppure è tutta ansia. Riguardo l'ansia però non ne sono così convinto, visto che, come già detto, questi "problemi" si presentano in situazioni dove sono calmo e tranquillo. Ecco perchè chiedo Se devo rivolgermi a qualcuno e, se sì, a chi.
Come detto precedentemente, ho già effettuato Analisi del Sangue( dove però sono assenti i valori riguardanti LDL e HDL ), ECG anche sottosforzo ed è tutto risultato nella norma.
Ringrazio anticipatamente per la risposta
Cordiali Saluti
[#1] dopo  
Dr. Salvo Catania
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Si rivolga al suo curante, che sa cosa fare, perchè quanto descrive è ascrivibile ad una sindrome da REFLUSSO GASTROESOFAGEO.
[#2] dopo  
Utente 191XXX

Iscritto dal 2011
Farò presente al mio medico curante questa possibilità.
La ringrazio per la risposta.
Cordiali Saluti
[#3] dopo  
Utente 191XXX

Iscritto dal 2011
Salve
Le scrivo per chiederle un altro consiglio/consulto. Dopo essermi rivolto ad un dottore, ora posso dire che sto abbastanza meglio. Nonostante ciò avverto alle volte sempre la stessa "mancanza di respiro", e quando sono sotto-sforzo, capita di sentire che la pausa tra un battito ed un'altro e leggermente più lunga. Non so quanto ciò possa essere suggestione, ansia o altro, posso solo dire che quella pausa mi da diversi pensieri, visto che comunque si ripresenta, dopo lo sforzo, costantemente e gli unici dolori che ho sono abbastanza localizzati ( dolori e doloretti alle costole sul fianco sinistro; non si espandono ) e penso siano ricollegati ai problemi di digestione avuti in precedenza.

Se può darmi un suo parere, le sarei grato.
Cordiali Saluti
[#4] dopo  
Dr. Salvo Catania
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
A distanza è difficile azzardare ipotesi.
Ansia+reflusso senz'altro giustificano i sintomi.