cisti  
 
Utente 199XXX
Buonasera..vi contatto per un problema che purtroppo va avanti da molto tempo nonostante io sia in cura con un primario di dermatologia della mia città. Vengo al dunque: a dicembre 2010 senza particolari avvenimenti precedenti ho sofferto di un ascesso nella zona del gluteo che ho curato d'urgenza con Rocefin; mi avevano detto che era una puntina schiacciata e infettata. A febbraio mi è spuntata nella cute, ho fatto l'Augumentin; tra marzo e aprile ho avuto delle recidive, nella stessa zona dei glutei e con lo stesso sviluppo di ascesso. Questa volta mi hanno detto che erano cisti sebacee(anche quella della cute).Ho curato queste presunte cisti con Augmentin e per curare l'ultima ho combinato Augmentin+Flantadin. La cisti è sparita, questa volta, almeno per il momento senza recidive(che comparivano in media ogni 2 settimane). Il problema di oggi è che dopo essere stata "esaminata" in regime di DH mi è stato trovato un livello di TAS elevato e dovrei cominciare le punture di penicillina. Da aggiungere che soffro di lichen planus e ho la celiachia..nessuno dei vari dottori è giunto ad una vera e propria soluzione, poichè anche questa della penicillina è una prova x vedere se questa infezione viene debellata e se il titolo si abbassa....nel 2008 però io sono stata operata di angioma cavernoso e durante il ricovero post operatorio ho avuto una febbre con punte elevatissime di 41,5 che mi ha tenuta a letto per un mese...io credo di aver preso questa infezione magari in sala operatoria.Voi che ne pensate? io non so più che pesci prendere, ho solo 21 anni e soffro costantemente per questi problemi!

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Antonio Corica
40% attività
8% attualità
12% socialità
MESSINA (ME)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2007
Credo a quanto ho percepito che la terapia con penicilllina sia risolutiva per queste infezioni, il Tas elevato pùò dare questo tipo di problematiche in alcuni.
Magari introducendo in terapia un antibiotico macrolide intracellulare può dare una efficacia maggiore, in concomitanza con terapia penicillinica.