Utente 140XXX
Buongiorno. Ho 30 anni. Da 2 anni soffro di sudorazione notturna per almeno 4 giorni prima del ciclo mestruale. Sempre da 2 anni convivo con una febbricola di 37,2/37,3 costante (raramente la temperatura rientra nella norma, 36,5). Avverto anche dolori articolari (soprattutto nei piedi) e mi stanco troppo (rispetto al passato) quando sto in movimento (anche semplicemente camminando). Nessun calo ponderale, anzi... Ho fatto mille analisi (per malattie auto-immuni, tiroide, risonanza, ecografia, ecc), ma su per giù è tutto nella norma. Il mio medico conosce la situazione e mi ha detto che devo convivere con questi sintomi, perché probabilmente sono fatta così... Dopo i risultati di queste analisi, ho trascurato il problema, abituandomi. Però mi piacerebbe sapere se, secondo voi, è il caso di chiedere qualche altro parere...e soprattutto a chi... Sono sintomi un po' troppo generici (ma fastidiosissimi) e non ho più voglia di girare (e di spendere tempo e denaro) per vedere se a qualcuno viene in mente qualcosa. Vi chiedo solo un'idea, uno spunto. Non ho mai controllato marker tumorali o fatto esami per la sclerosi multipla (ci sono dei casi in famiglia). Secondo voi dovrei richiederli o continuo così, a non fare più niente? Grazie mille
[#1] dopo  
Dr. Oreste Pascucci
28% attività
0% attualità
16% socialità
LAURIA (PZ)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2009
Gentile utente,
i sintomi da Lei descritti, non sono da ascrivere ad una patologia come la sclerosi multipla a placche.Il problema, a quanto pare,si evidenzia nel periodo precedente le mestruazioni.Probabilemnte è dovuto ad uno stato simil infiammatorio,talvolta per aumentato stress ossidativo ( per semplificare), in prossimità del ciclo. Avrà sicuramente fatto un dosaggio ormonale, senza avere alcun valore alterato.Avrà anche fatto indagini sierologiche per i comuni virus (EB, citomegalovirus)ed un tampone vaginale. Il ciclo è regolare, altrimenti lo avrebbe fatto presente.Non penso che debba abituarsi a questi sintomi, è auspicabile si trovi la causa (non è detto che sia qualcosa di complesso o "serio"). La sudorazione è presente solo in prossimità del ciclo? I dolori articolari quando li avverte,dove sono localizzati(sempre nelle stesse sedi?) e come passano.Che tipo di attività svolge?

Le invio cordiali saluti e rimango a sua disposizione.
[#2] dopo  
Utente 140XXX

Iscritto dal 2009
Grazie per l'attenzione. Per rispondere alle sue domande, le dico che ho fatto diverse analisi.
Avevo solo Prolattina 35.29 (1.20-29.93)
secondo esame Prolattina 30.01 (5.18-26.53)
e c3 complemento 82 (90-207) e c4 complemento 6 (17-52).
rame 61 (80-100)
Niente di significativo. Tutto il resto nella norma.
(l'EB dovrei averlo avuto in passato)
E.B.V. VCA IGM 10 (<20 negativo)
E.B.V. VCA IGG 363 (<20 negativo)
E.B.V. EBNA IGG 107 (<20 negativo)

CIC iga 1 (0-2)
CIC igg 1.9 (0-8)
CIC Igm 3.6 (0-3.5)

Il ciclo è regolarissimo: ogni 30 gg per 3 gg.
I dolori articolari sono frequenti e indipendenti dal ciclo (credo). Soprattutto la mattina (lombi)e dopo un po' di attività fisica (soprattutto piedi). Non sono sportiva. Meno mi muovo meglio sto. Cmq i dolori aumentano con l'umidità e il freddo (piedi, polsi, gomiti, ginocchia). Speriamo che non sia già artrosi :)
I dolori (anche il mal di testa) passano con NIMESULIDE (l'unico che sortisce qualche effetto: almeno uno a settimana devo prenderlo, cioè quando non posso farne a meno, anche se so che è un farmaco da prendere con cautela).
La sudorazione si, inizia dai 10 a 3 giorni prima del ciclo e finisce generalmente quando inizia il ciclo. Ci ho messo un po' per capire che c'è un collegamento, ma ora ne sono sicura e l'aspetto. Solo che sudo al punto da tenere un asciugamano accanto al letto e da dovermi cambiare anche diverse volte. Estenuante...
[#3] dopo  
128794

Cancellato nel 2011
Buonasera io sono un medico dello sport, abituato ad eseguire indagini di tipo metabolico e cardiorespiratorio su atleti di alto livello che talvolta possono manifestare sintomi non simili ma che possono in qualche modo ricordare tale quadro in stati di overtraining o sstress endocrino metabolico.

Le domande che mi viene da porre è:
se ha mai eseguito un monitoraggio pressorio delle 24 ore per valutare la pressione arteriosa nei giorni in cui ha sudorazione notturna,
se ha eseguito un dosaggio delle catecolamine e un indagine per le ghiandole surrenali, in quanto i sintomi che riferisce sono assimilabili ad un quadro di aumentato tono del sistema nervoso autonomo simpatico o comunque ad una aumentata emissione in circolo di ormoni simpaticomimetici.

Altre indagini piu semplici da fare sono la misura dell'acido lattico a riposo che potrebbe identificare una alterazione metabolica ossidativa e la cortisolemia salivare.

Il mio è un commento scevro da esperienza clinica su pazienti che abbiamo sintomi come i suoi, è una riflessione a voce alta che indica una via di indagine che immagino sarà stata sicuramente già percorsa. Mi scuso per la probabile ripetizione.
Per quanto riguarda i suoi sintomi sono sicuro che non bisogna fermarsi ma bisogna trovare un motivo al suo stato.
[#4] dopo  
Utente 140XXX

Iscritto dal 2009
Grazie mille Dr. Guerra per l'ipotesi. Ho controllato in linea di massima la tiroide: era tendenzialmente nella norma. Il resto che chiede non l'ho eseguito...
Le riporto gli esami fatti quasi due anni fa, tutti nella norma, esclusi i dati che ho già scritto.
Progesterone, FSH,LH; WBC, HGB, HCT,HDW,PLT, Ferritina, FT3, FT4, TSH, paratormone, Glicemia, Urea, creatinina, AST/GOT, ALT/GT, sidermia, trigliceridi, Colesterolo LDL tutto nella norma.
Colesterolo totale 183 (0-180)
Colesterolo HDL 59 (65-80)
Vitamina B12, folati, Beta 2 microglobulina, Elettroforesi sieroproteica, VES,LDH, PCR, Ra-test, proteine totali nella norma
Tine-test negativo. Coagulazione nella norma.
Ana,ena,dna-n,antinucleosomi pcr ra-test tutto negativo.
Ho assunto plaquenil per più di un mese (Prescritto da un immunologo. Buoni risultati)
Un endocrinologo mi ha prescritto eutirox, ma non l'ho mai assunto perché altri medici me l'hanno caldamente sconsigliato.
Un neurologo ha prescritto psicofarmaci... Mai assunti per scelta personale!
Le parlo di esami eseguiti nel 2009. Da allora non dico più niente al medico di base perché ritiene (e magari ha ragione) che non c'è altro da fare.
Per rispondere sulla mia attività al Dr Pascucci: sono insegnante di scuola superiore. Mi auguro di non avere la sindrome di Burnout :)
Non sono una donna ansiosa, né ipocondriaca, ma sono stressata (come tutti i miei colleghi precari).
Col termine delle attività didattiche sono più libera e sto valutando se è il caso di fare qualche analisi in più. Ecco il motivo della richiesta di questo consulto. Resta il fatto che il mio medico sarà reticente rispetto a qualsiasi ulteriore indagine...
Mi scusi Lei, Dr Guerra; so bene che il mio quadro clinico è vago e poco interessante. Ho pensato alla SM solo perché molti anni fa ho avuto due episodi di mancanza di sensibilità agli arti inferiori (sono caduta entrambe le volte perché non sentivo più una gamba), ma effettivamente si tratta di un periodo non sospetto, di molto antecedente rispetto alla comparsa della febbricola, della sudorazione e dei dolori articolari. E l'ho blandamente ipotizzato dopo la diagnosi recentemente ricevuta da un parente di 40 anni.
Ulteriori informazioni:
sono vegetariana
fumo
sono asmatica.
Grazie ancora per l'interesse
[#5] dopo  
Dr. Oreste Pascucci
28% attività
0% attualità
16% socialità
LAURIA (PZ)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2009
Gentile utente,
ha problemi alla colonna vertebrale,tipo scoliosi o altro?Potrebbe spiegare il dolore a posture erroneee oppure quando cammina o fa attività fisica (dismetrie agli arti inferiori, alterazione della normale "curvatura" della pianta del piede, ad esempio).Il fatto che compaiano soltanto in prossimità del ciclo(sudorazione) e scompaiono alla sua risoluzione , non farebbe pensare ad alterazioni presenti eventualmente sempre, ma solo in determinati momenti e "stati".Inoltre, la sudorazione è prevalentemente notturna e non post prandiale (dopo pranzo o cena)o in altri momenti della giornata.Non ha descritto, inoltre, alterazione dei valori pressori oppure l'avvertire il battito cardiaco improvvisamente.Vi è solo una positività abbastanza significativa del virus della mononucleosi infettiva,che potrebbe essere stata contratta anche recentemente ( i valori bassi di IgM depongono per una infezione che tende alla risoluzione spontanea e comunque pregressa).Non ha neanche descritto problemi digestivi o intestinali (stipsi o diarrea) Per quanto riguarda i valori del complemento (C3 e C4),sono un pò bassi, ma presi così non ci danno nessuna indicazione precisa (soprattutto se negative le indagini su immunoglobuline specifiche,"autoimmuni").Vi è anche un lieve aumento della prolattina, da ricontrollare( ciclo regolare tra l'altro).Concordo con il collega sull'eventualità di una misurazione pressoria anche notturna,magari nei giorni da lei indicati.Sarebbe utile anche controllare la frequenza cardiaca nelle ore notturne.

In attesa di un suo riscontro le invio cordiali saluti.
[#6] dopo  
Utente 140XXX

Iscritto dal 2009
Scusi Dr Pascucci. Non avevo letto il suo intervento. Non ho nessun problema alla colonna vertebrale. Per quanto riguarda la postura...non saprei. Ma dalla lastra alla schiena (esclusa una semplice schisi) non risultò nulla. Sulla curvatura della pianta del piede, egualmente, non saprei. I valori pressori non li conosco. Il battito credo sia regolare (non ho mai avvertito alterazioni). La sudorazione è esclusivamente notturna. I problemi intestinali invece ci sono. Sono irrimediabilmente stitica :) e qualche volta soffro di crampi intestinali. Risolvo con spasmomen. Due volte mi sono recata al pronto soccorso per questo motivo e l'ultima volta nel foglio rilasciato si suggeriva una colonscopia, ma, con la scomparsa dei sintomi, il medico di base non l'ha ritenuta necessaria.
Anche se, come le dicevo, in famiglia c'è un caso di tumore. Proprio al colon.
Ma non penso proprio sia il mio caso. Nessun calo ponderale.
[#7] dopo  
Dr. Oreste Pascucci
28% attività
0% attualità
16% socialità
LAURIA (PZ)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2009
Gentile utente,
ha eseguito prove allergologiche e di intolleranze alimentari? Talvolta possono incidere sul mal di testa e dare maggiori problemi in alcune condizioni di aumentato "tress".Il problema dell'asma atopico è controllato? Non si sospetta una protrusione discale?Mi scuso per le innumerevoli domande, ma è già difficile il consulto on line che elementi in più ci possono aiutare ad inquadrare meglio il problema o almeno a dare risposte soddisfacenti.


Cordialmente e riamngo a sua disposizione.
[#8] dopo  
Utente 140XXX

Iscritto dal 2009
la mia è un'asma allergica. Diagnosticata a 5 anni. Da allora non ho più fatto controlli (risolvo con ventolin, aerosol e, molto raramente, con antistaminici). Sono allergica a polvere, animali, pollini ecc. Allergie alimentari mai controllate. Ma con l'asma ho imparato a convivere da sempre e non mi dà particolari problemi :) Protrusione discale non sospettata da alcuno quindi neppure controllata.
Comunque, a differenza di quanto possa sembrare, non assumo molti farmaci. Assumo abbastanza spesso solo Nimesulide per i dolori articolari e il mal di testa. Per il resto evito qualsiasi cosa se non strettamente necessario.
[#9] dopo  
128794

Cancellato nel 2011
Gentile signora, il fatto che lei abbia l 'asma come giustamente richiesto dall'ottimo e intuitivo collega, mi sembra FONDAMENTALE. Inoltre lei assume dei farmaci antiasmatici senza che nessuno ne controlli i dosaggi da 5 anni. I farmaci anti asmatici che lei assume sono antiistaminici e Betaagonisti, ovvero farmaci che hanno un'azione preponderante sui recettori del sistema simpatico (soprattutto il ventolin).
Questi farmaci possono certamente dare una sintomatologia simile ai sintomi riferiti mimando uno stato di iperattivazione simpatica (come mi aveva all'inizio dato l idea) possono incrementare i valori pressori, far sudare , far aumentare la temperatura corporea. (quasi tutti i suoi sintomi), ed aumentare la frequenza cardiaca.
Anche gli antiistaminici possono dare reazioni del genere.

Esegua queste indagini:
Holter pressorio per valutare il quadro pressorio e polisonnografia per vedere se la respirazione sia regolare di notte
dopo di che
Visita Pneumologica con spirometria per verificare che i dosaggi siano corretti e non sia in qualche modo in sovradosaggio e racconti allo pneumologo i sintomi.

Molto interessante il caso. Come vede anche se forse non arriveremo a destinazione è sempre fondamentale avere un quadro comleto dell'anamnesi. L'eccessiva specializzazione rischia di perdere di vista l insieme.
Inoltre un altra considerazione...Fumare puo' essere piacevole, anche io ho fumato in passato, ma fumare con l asma è veramente grave.
[#10] dopo  
Dr. Oreste Pascucci
28% attività
0% attualità
16% socialità
LAURIA (PZ)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2009
Concordo con il collega.
Rivaluterei,come detto, il problema dell'asma e la terapia, ribadendo il concetto che in determinati momenti o condizioni (prossimità del ciclo mestruale), si possano acuire problemnatiche "latenti": maggiore stress ossidativo,aumento rilascio istamina ed altri mediatori ecc.Non aiuta il periodo di stress psichico,ovviamente.Inutile aggiungere commenti "al fumo"...Sono certo se ne venga a capo del problema.

Cordialmente e rimango a disposizione.
[#11] dopo  
Utente 140XXX

Iscritto dal 2009
grazie mille ad entrambi. Non avevo minimamente pensato all'asma... Antistaminici ne assumo raramente (l'ultimo l'ho preso qualche anno fa), ma il ventolin, da buona asmatica, lo porto sempre dietro. Non lo considero neppure un farmaco... Per quanto riguarda il fumo...non solo è grave, ma anche stupido :) Stavo pensando di smettere perché so che aumenta il mal di testa, ma se il mio problema è connesso all'asma, smetterò a maggior ragione.
Chiederò una visita pneumologica. Vi farò sapere (anche se ci vorrà del tempo).
Grazie di cuore per tutto.
E complimenti anche per l'intuizione :)
A presto
[#12] dopo  
Dr. Oreste Pascucci
28% attività
0% attualità
16% socialità
LAURIA (PZ)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2009
Gentile utente,
i vizi prendono anche persone intelligenti come lei. Si innescano meccansimi complessi alla base:psicologici e fisici.Invece di pensare di smettere,smetta realmente di fumare.
Attendiamo sue nuove.


Con cordialità.


[#13] dopo  
Utente 140XXX

Iscritto dal 2009
Smetterò ;) Ho controllato le bombolette. Per precisare: io uso ventolin ogni tanto e da pochi anni, mentre uso e ho usato molto spesso clenil compositum. Prescritti entrambi dal medico di base. Diciamo che il clenil mi dà maggiore sollievo, mentre il ventolin aumenta temporaneamente i tremori (che già ho... Infatti non assumo mai teina o caffeina, proprio per non peggiorare la situazione). Di conseguenza uso meno il ventolin e più il clenil (che, come sapete, contiene beclometasone).
Riporterò queste informazioni al Pneumologo.
Chissà se mi stavo rovinando con le mie stesse mani...
Patologia iatrogenica... Sarebbe incredibile.
Vi ringrazio infinitamente.
A presto
[#14] dopo  
128794

Cancellato nel 2011
anche il clenil essendo un cortisonico puo' dare disturbi da ricollegare ad aumento del tono simpatico seppur in modo indiretto.
Bene credo che sia un percorso strategico buono, Attendo sue notizie e non fumi