Utente 186XXX
Salve,
sono una ragazza di 19 anni. Dalla mia storia clinica potrà notare i diversi consulti. Ho sofferto di ipocondria e ancora più forte era la paura che potesse venirmi un infarto ( a pensarci adesso mi viene da ridere ). Dopo una terapia psicologica si è giunti alla conclusione che la mia forte ansia era legata a dolori "normali" passeggeri ai quali non riuscivo a collegare una causa precisa, visto che era localizzati al petto ( si è scoperto poi legati ad una postura sbagliata ) e dunque non sapendone niente mi impressionavo facilmente. Non si trattava dunque di somatizzazioni. Comunque sono riuscita ad essere razionale di fronte al dolore e fortunatamente l'ansia è solo un brutto ricordo.

Adesso vorrei chiederle un consulto non perchè la cosa mi preoccupi, ma per pura curiosità!
A volte avverto il battito cardiaco non accellerato bensì amplificato. Avverto cioè ogni singolo battito cardiaco e la cosa mi infastidisce molto.

Di cosa si tratta?
La ringrazio anticipatamente
Cordiali saluti

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
La percezione del proprio battito e' frequente, specie se si e' a riposo e se ci si concentra su di esso.
Si tranquillizzi
cordialita'
cecchini
www.cecchinicuore.org