Utente 503XXX
ho fatto un'ecografia mammaria la cui diagnosi dice" al passaggio tra il quadrante supero interno ed il supero esterno, in sovra aerolare, presenza di area disomogenea, di 7,3 mm di diametro trasversale, con contorni sfrangiati, che si approfonda nei piani profondi, che genera un sottile cono d'ombra" Sono molto in ansia, in attesa di fare la mammografia potreste spiegarmi cosa vuol dire questa diagnosi?

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Salvo Catania
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Gentile signora,
non siamo ancora di fronte ad una diagnosi definitiva ma l'aspetto
"a contorni sfrangiati" ( stellare) in considerazione della Sua età merita certamente un approfondimento diagnostico tramite mammografia ed eventuale esame citologico per agoaspirazione.

Per fortuna si tratta di una lesione di piccole dimensioni destinata quindi in ogni caso ad un trattamento conservativo e favorevole.

Ci aggiorni pure dopo l'esecuzione della mammografia.
Cordiali saluti
Salvo Catania
www.senosalvo.com
[#2] dopo  
Utente 503XXX

Iscritto dal 2007
Gentilissimo dottor Catania,
sono commossa dalla Sua disponibilità, e sono colpita favorevolmente dalla Sua profonda umanità nel rivolgersi alla persona malata, e non al caso medico. Ho letto la Sua corrispondenza con una paziente che come me temeva una diagnosi diciamo "infausta", Lei è stato molto chiaro, preparato e incoraggiante. Io conosco molti medici, ma purtroppo nella mia città deve esserci una contagiosa prosopopea, che li induce a credere di essere i depositari della scienza medica e a trattare con sufficienza i poveri pazienti! Ora sono terrorizzata anche perchè il mio medico di base mi ha detto: "mi auguro che chi ha fatto l'ecografia abbia sbagliato"! A queste parole mi sono sentita già spacciata e ora solo con il Suo incoraggiamento, affronterò con qualche speranza gli altri accertamenti.
Come gentilmente Lei mi ha proposto La aggiornerò dopo l'esecuzione della mammografia.
Nel caso la diagnosi fosse "ciò che io temo" avrei il desiderio di farmi curare da Lei, è possibile?
Mille grazie
M.S.
[#3] dopo  
Dr. Salvo Catania
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Grazie a Lei per l'apprezzamento !

Le ribadisco che ancora non c'è una diagnosi ma solo un dubbio diagnostico.

Esegua al più presto mammografia e agoaspirazione (dopo la mammografia) e vedrà che tutto si risolverà, anche nella ipotesi
peggiore, in poco tempo.

Prima di sentirsi spacciata (probabilmente il Suo nodulo non è neanche palpabile) provi a digitare sul mio sito (www.senosalvo.com)
TERAPIA CHIRURGICA per verificare quali sono le opzioni che offre la chirurgia per una lesione così piccola.

[#4] dopo  
Prof. Massimo Vergine
24% attività
0% attualità
12% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 36
Iscritto dal 2007
Buonasera Signora

anche io mi trovo d'accordo con il dr Catania. La invito ad aspettare la risposta della mammografia per avere ulteriori informazioni sulla lesione descritta con l'ecografia. Qualora comunque ci fossero ancora dubbi le posso suggerire che insieme alla sezione di radiologia del nostro Policlinico Umberto I utilizziamo da qualche tempo anche la rmn con mezzo di contrasto, che fornisce informazioni molto utili ai fini della diagnosi.
Non si deve comunque preoccupare in quanto come anticipava il collega le dimensioni della lesione sono piccole e quindi soggetta nel peggiore dei casi a quadrantectomia con eventuale studio del linfonodo sentinella.
La ringrazio dell'attenzione e colgo l'occasione per inviarle distinti saluti

Prof. Massimo Vergine
www.massimovergine.it