Utente 103XXX
Buon pomeriggio a tutti, vorrei se possibile dei chiarimenti circa il mio caso. Circa un mese fa mi si è formata una lesione ulcerosa a livello del glande. Dopo quasi 3 settimane mi sono recato dal dermatologo che mi ha visitato arrivando alla conclusione che si trattava di un probabile sifiloma primario. Di conseguenza mi ha prescritto i vari esami VDRL, TPHA, FTA-ABS (anche HIV e HCV). Fatto sta che tra prenotazione e refertazione ci volevano più di 20 gg così ho deciso di farli privatamente sborsando un bel pò di soldi. Questi sono stati i risultati:

VDRL: POSITIVA
TPHA: NEGATIVO
FTA-ABS:
- IgG 2,70 U.A. (POSITIVO) (immunoenzimatico)
- IgM 0,90 U.A. (DUBBIO) (immunoenzimatico a cattura)

Mi sono recato dalla mia dermatologa e mi ha detto che questi esami non sono attendibili perchè non si fida del laboratorio privato. Mi ha detto che utilizzano dei metodi che non vanno bene e che devo ripetere le analisi solo ed esclusivamente in ospedale perchè hanno i laboratori più efficienti. Quindi ora mi tocca aspettare altri 10 gg e arrivò già ad un mese e 10 gg dalla comparsa del sifiloma che, col passare di tutto questo tempo, è ormai guarito. Stamattina ho rifatto il prelievo e come dicevo ci vorranno 10 gg (così mi hanno detto allo sportello) e quindi mi chiedevo non potrei già cominciare la terapia in attesa del referto di queste seconde analisi invece che continuare ad aspettare con un linfonodo gonfio all'inquine, visto e considerato che la dermatologa ne è cmq sicura e che ho già contattato l'artefice di tutto e i suoi esami sono tutti positivi? E' così poco ragionevole? Ringrazio tutti anticipatamente per la disponibilità...
[#1] dopo  
Dr. Luigi Mocci
40% attività
8% attualità
20% socialità
TORTONA (AL)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2005
Salve,
senza volere minimamente in qualsivoglia modo criticare il comportamento molto corretto della collega, io, normalmente, nella sifilide (che in questo caso parrebbe certa) cosiccome , per esemopio, nelle uretriti, fatto l'esame, anche senza esito, inizio subito la terapia.
Possibile la collega , pur molto brava, sia poco avvezza al trattamento delle MST e delle problematiche che pongono sia dal punto di vista tecnico che dell'approccio al paziente.

saluti
[#2] dopo  
Utente 103XXX

Iscritto dal 2009
Più che altro non capisco la diffidenza molto diffusa per i laboratori privati, se una persona decide di spenderè un pò di più per la propria salute diventa un problema? Voglio dire sono comunque controllati e devono utilizzare delle metodiche certificate...quindi cosa mi consiglia di fare? Io non ho voluto insistere perchè non sono nella posizione di mettere in dubbio il parere di uno specialista, nè voglio farlo. Io stesso, però, so per certo che non si tratta di una semplice infezione batterica eppure mi vedo rimandare questa terapia ormai da una settimana dalla visita per non parlare del fatto che l'infezione, ormai, va già avanti da 1 mese e che ho cmq fatto delle analisi. Ringrazio in ogni caso per la celere risposta...
[#3] dopo  
Dr. Luigi Mocci
40% attività
8% attualità
20% socialità
TORTONA (AL)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2005
I laboratori privati, lo dico nella mia esperienza personale, danno risultati meno affidabili se affiancatio a quelli pubblici. Questo senza fare, senza duubbio, di tutta l'erba un fascio, ovviamente.
Per il resto ritengo di avere già espresso il mio pensiero


Saluti
[#4] dopo  
Utente 103XXX

Iscritto dal 2009
Torno a scrivere per aggiornarvi sulla situazione. Le mie peripezie continuano. Ho fatto le analisi presso l'ospedale e oggi dopo averle ritirate mi sono accorto che non hanno effettuato il test FTA-ABS, chiedo informazioni e mi dicono che il laboratorio dove le hanno inviate non effettua tale test e che domani dovrò rifare il prelievo, altri 10gg di attesa. nel frattempo io non vengo ancora curato nonostante le nuove analisi nel laboratorio ospedaliero siano le seguenti:

VDRL: positvo
TPHA: 1:160

Posso chiedere lo stesso la terapia in attesa degli ultimi risultati? scusate se continuo ad infierire ma è che mi stan facendo penare da 20gg per questi esami e non so più cosa fare! Il linfonodo inguinale sinistro è ancora gonfissimo ma prendo la tachipirina 1000 già da 11 gg, posso andare avanti per altri 10 così? ringrazio in anticipo per l'ennesima volta...
[#5] dopo  
Dr. Luigi Mocci
40% attività
8% attualità
20% socialità
TORTONA (AL)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2005
Salve,
direi che la terapia antibiotica sia improcrastinabile! Ne parli col collega anche se con esami non completi!

Saluti
[#6] dopo  
Utente 103XXX

Iscritto dal 2009
vorrei se possibile fare una ulteriore domanda. Ho eseguito il trattamento con penicillina G benzatinica 2.400.000 UA IM, una il 15 di luglio e l'altra a distanza di 20 gg come consigliato dal medico. Ora il sifiloma sul prepuzio è passato subito, i primi 4-5 giorni diciamo, però su glande ho ancora una leggera discromia rossastra lì dove prima era il sifiloma e, tra l'altro ogni tanto avverto ancora prurito e dei residui gelatinosi bianchi a livello della corona del glande che non so se dovuti a desquamazione o altro. E' normale?
[#7] dopo  
Utente 103XXX

Iscritto dal 2009
c'è nessuno che possa rispondermi?