Utente 351XXX
Volevo sapere i tempi che intercorrono dalla comparsa di un neo cutaneo a diventare melanoma di Iv stadio Clark?
Ho già inoltrato questa domanda come medico legale ma il Dott. Golia di Brescia mi ha scritto che sarebbe opportuno che rispondesse un dermatologo.
Grazie
[#1] dopo  
Dr. Luigi Laino
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Domanda non congrua.

un nevo cutaneo non deve per forza diventare un Melanoma

un melanoma insorge anche su cute sana.

Se necessita di informazioni specifiche dovrebbe perfezionare la sua domanda.

saluti.

[#2] dopo  
Utente 351XXX

Iscritto dal 2007
La ringrazio della risposta e riformulo la domanda;
Mi è emerso un neo fatto controllare più volte dal dermatogo, dopo circa 2 anni e mezzo con l'asportazione dello stesso l'esame istologico dà l'esito melanoma al IV stadio di Clark,1,80 sec Breslow.
Visto che ci sono vari stadi che vanno da 1 a 5 di Clark e vari spessori, per arrivare al IV stadio quanto tempo il melanoma ci impiega?
E se il melanoma insorge anche su cute sana come si fà a riconoscerlo?
I medici dermatologi che mi hanno visitato mi hanno detto che è basilare la conoscenza e la preparazione medica del dermatologo per determinare la diagnosi e sopratutto nella prevenzione.
Dal momento che ho fatto prevenzione, allora come si è sviluppato?
Grazie per la sua risposta.
[#3] dopo  
Utente 351XXX

Iscritto dal 2007
La ringrazio della risposta e riformulo la domanda;
Mi è emerso un neo fatto controllare più volte dal dermatogo, dopo circa 2 anni e mezzo con l'asportazione dello stesso l'esame istologico dà l'esito melanoma al IV stadio di Clark,1,80 sec Breslow.
Visto che ci sono vari stadi che vanno da 1 a 5 di Clark e vari spessori, per arrivare al IV stadio quanto tempo il melanoma ci impiega?
E se il melanoma insorge anche su cute sana come si fà a riconoscerlo?
I medici dermatologi che mi hanno visitato mi hanno detto che è basilare la conoscenza e la preparazione medica del dermatologo per determinare la diagnosi e sopratutto nella prevenzione.
Dal momento che ho fatto prevenzione, allora come si è sviluppato?
Grazie per la sua risposta.
[#4] dopo  
Dr. Luigi Laino
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Le domande sono più chiare, le formulo brevemente delle risposte:

1) impossibile definire con un "orologio" la progressione del Melanoma: le valga conoscere in grandi linee che la maggior parte dei melanomi, passa diverso tempo in fase di crescita cosiddetta "radiale" o "spreading superficial" nella quale l'estensione della lesione si estende tangenzialmente alla superficie cutanea ed una seconda fase cosiddetta di "crescita verticale" che può interssare tutta o più spesso parte della lesione: in questo momento la progressione del Melanoma si sviluppa in profondità. Oltre a questo tipo di Melanoma, esistono altr tipologie (nodulare, polipoide) nel quale lo sviluppo è quasi da subito "verticale"

2) il Melanoma è una lesione cutanea maligna di eslcusiva pertinenza Dermatologica: è quindi il Dermatologo a diagnosticarlo mediante la visita e soprattutto l'Epiluminescenza manuale o video-dermatoscopica. E' da dirsi che anche le lesioni sospette sono tributarie di asportazione per fini preventivi: questo vale sia per i "Melanomi su nevo" che per i Melanomi insorti primariamente su cute sana.

3) Coloro i quali effettuano i controlli preventivi sono solitamente più al sicuro di chi non effettuano i controlli preventivi: questo poichè solitamente i melanomi detengono uno sviluppo piuttosto lento, salvo i casi di melanomi più aggessivi: in questo caso lo sviluppo può essere molto più rapido. Per tale motivi mi è impossibile definire in modo serio l'ultima sua domanda.

Carissimi saluti
Dott. Luigi LAINO
Ricercatore Dermatologo, ROMA

[#5] dopo  
Utente 351XXX

Iscritto dal 2007
La ringrazio molto dott. Laino per le sue risposte, ora mi è più chiaro il mio quadro clinico.

Stò seguente i protocolli per il controllo e l'evolversi del melanoma.

La saluto cordialmente.