Utente 102XXX
Buon giorno,

scrivo per mio padre (anni 71) malato di tumore al polmone con metastasi alle ossa. La molla che mi ha spinto a richiedere un consulto è lo stato sconcertante in cui stanno riducendo mio padre i farmaci convenzionali per il controllo del dolore. Mi riferisco in particolar modo al farmaco denominato OXY CONTIN. I principali effetti collaterali sono confusione mentale, amnesia, evidente stato di alterazione mentale. Mi chiedo se in omeopatia esistono dei farmaci a potente effetto antalgico e se esistono casi in cui pazienti oncologici vengono trattati con efficacia da farmaci antidolorifici omeopatici.

Inoltre, esiste un trattamento omeopatico in grado di rallentare il decorso inesorabile della malattia?

Mi chiedo anche se esistono medici omeopati specializzati in pazienti oncologici.

In pratica vorrei poter diminuire le dosi di Oxy Contin e sostituirlo con eventuali farmaci omeopatici. So che chi mi risponderà dirà che dovrebbe vedere il paziente, tuttavia chiedo una risposta generica sulla base dei casi che si sono eventualmente verificati. Grazie di cuore.
[#1] dopo  
Dr. Alessandro Scuotto
56% attività
20% attualità
20% socialità
COMO (CO)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile signore,
in linea di principio è possibile COADIUVARE la terapia farmacologica convenzionale nel paziente oncologico con farmaci omeopatici per migliorare la risposta e ridurre l'incidenza di effetti collaterali. Tuttavia la scelta dei farmaci omeopatici va effettuata su base individuale e in relazione alle condizioni cliniche del paziente, per cui - come ha già compreso - il paziente deve esser visitato.

Non esiste una specializzazione in omeopatia oncologica, ma un medico omeopata con esperienza è in grado di affrontare correttamente il problema.
Cordiali saluti.
[#2] dopo  
Utente 102XXX

Iscritto dal 2009
Grazie per la risposta e buon lavoro.