Utente 217XXX
Buongiorno e grazie in anticipo.
Sono un ragazzo di 25 anni, 1.85 per 80 Kg ed atletico.
Sono una decina di giorni che soffro di dolori al petto e giramenti di testa seguiti, a volte, anche da senso di nause. Quando faccio attività fisica (prevalentemente corsa) quando supero la soglia dei 150 battiti il dolore aumenta notevolmente non consentendomi di continuare. Mi sento il "cuore in gola" e i giramenti di testa si fanno molto più forti.
Ho effettuato una visita sportiva sotto sforzo un mese fa e non è stato riscontrato nulla di anomalo, cosa può essere? come capire se ho problemi a livello cardiaco?

Grazie di nuovo, buona giornata.

Saluti, Mattia.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Se il test che ha eseguito e' stato sul cicloergometro od il tread-mill, e se la prova e' stata massimale per la sua eta' starei tranquillo.
Tenga comunque presente che far salire la frequenza a tali frequenze non fa bene ad alcun cuore, neppure al piu' sano.
Cordialmente
cecchini
www.cecchinicuore.org
[#2] dopo  
Utente 217XXX

Iscritto dal 2011
Grazie per la risposta; il test è stato effettuato sul "gradino" e si, penso sia massimale.

Uscendo un attimo dall'ambito medico ed entrando in quello sportivo ho sempre saputo che per calcolare la propria frequenza cardiaca si fa il semplice calcolo 220 meno l'età e prendiamo il 70/80 % di questo valore, io quindi avrei una soglia di 146 battiti, troppo elevato correre per un ora a questi battiti?
Giocando a squash ho massimi di 192 battiti, ma per max 30/40, può essere, nel lungo periodo, un problema?

Grazie di nuovo, buona giornata.
[#3] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Il test sul gradino non e' piu' in uso da anni, in quanto non permette di osservare l'ECG durante la prova ma solo prima dello sforzo e dopo, e quindi non affidabile, quindi e' opportuno che lei lo esgua al cicloergometro o sul tappeto ruotante.
Il concetto di frequenza massimale e' appunto che deve essere massimale e quindi non va mantenuta per lungo tempo.
Lei non manterrebbe mai per un'ora i giri della sua auto sul settore rosso del suo contagiri...o sbaglio?
La FC di 192/min e' assolutamente da non raggiungere e dannosa.
Cordialmente
cecchini
www.cecchinicuore.org
[#4] dopo  
Utente 217XXX

Iscritto dal 2011
Il test cmq è stato fatto con una fascia con il rilevamento dei battiti durante l'attività, quindi dovrebbe avere lo stesso principio, giusto?

Quindi la mia corsa su che battiti dovrebbe stare?

Grazie, saluti.
[#5] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Durante la prova da sforzo con "lo scalino" (test di master) non puo' osservare eventuali alterazioni ischemiche che comparissero durante la prova e quindi e' un test inutile, ormai abbandonato.
L'attivita fisica e' una cosa e lo sport e' un'altra. Il cuore e' una pompa idraulica la quale non migliora con lo sforzo fisico. Il cosiddetto cuore da a tleta e' tutt'altro che un cuore sano.
Quindi faccia lo sport che le piace, ma non pensi che il suo cuore ne trarra' giovamento. Per attivita' fisica "benefica" si intende camminare a passo svelto, andare in bicicletta come mezzo di trasporto (non certo per decine di chilometri a frequenze cardiache inaccettabili).
Cordialita'
cecchini
www.cecchinicuore.org