Utente 218XXX
Gentili Dottori, vorrei chiedervi un consiglio per una cosa strana che mi sta capitando da un po di tempo... Ho 28 anni, premetto che sono una fumatrice, fumo una decina di sigarette al giorno, non bevo, non faccio attualmente sport, ma quando posso cammino a piedi, diciamo che stò facendo una vita un po sedentaria ultimamente. Tutto e iniziato a settembre dell'anno scorso fui colpita da un'improvvisa tachicardia, mi portano al pronto soccorso avevo battiti accelerati e pressione 180, mi riscontrarono un attacco di panico, che io non ho accettato semplicemente perché ero calmissima e non avevo avuto nulla per scatenare quell'attacco.. Dopo quell'episodio, ma anche prima di quello ,notavo che la sera appena messa al letto e stesa sul lato sinistra il cuore per qualche secondo aveva battiti irregolari, più forti che davano fastidio ma non gli avevo dato nessun peso.. Decisi di fare un elettrocardiogramma che risultava buono, e un'ecografia che non aveva riscontrato nulla di anomalo, solo delle extrasistole. Nell'ultimo anno questi episodi di tachicardia si sono manifestati più volta, all'inizio entravo in panico, poi mano mano ho cercato di calmarmi da sola. Ora era qualche mese che non avevo nulla, poi ieri sera e ritornato, appena messa a letto, e stesa sul lato sinistro sento in cuore che inizia ad avere dei violenti battiti erano lenti ma forti saranno stati 5 o 6 in tutto, poi e scoppiata la tachicardia, mi sono alzata dal letto e sono andata alla finestra e ho iniziato a respirare e mantenere la calma, il cuore sembrava impazzito, piano piano il cuore si e calmato e io mi sentivo stanca e confusa. Prima di mettermi al letto avevo fumato l'ultima sigaretta, e tutte le volte che avvertivo battiti irregolari e perchè avevo fumato un po prima di andare a letto, e quella volta a settembre subito dopo aver fumato iniziò la tachicardia. Io fumo da quando avevo 18 anni, e non avevo mai avuto questi problemi, lo so che mi direte di buttare via le sigarette, ma vorrei sapere da voi se il mio problema sia dovuto proprio alle sigarette, stanotte davvero credevo che il cuore stesse per scoppiare, una sensazione bruttissima ma che ho saputo gestire con la calma e la respirazione. Vorrei sapere da cosa e dovuto tutto ciò, ringrazio anticipatamente per la vostra risposta, e il vostro aiuto.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Una frequenza di 180 bpm va assolutamente indagata, perche' non e' uyna frequenza facilmente raggiungibile da un normale ritmo sinusale. Sarebbe opportuno visionare il tracciato chge fu registrato al pronto soccorso per capire cha eritmia fosse presente
Lei deve eseguire un Holter cardiaco, un ecocolordoppler cardiaco ed una prova da sforzo massimale al cicloergometro.
Detto questo se lei , cosi' giovane, continua a fumare significa che non ha paura di moirire ne' di infarto, ne' di ictus, ne' di cancro.
Cordialita'
cecchini
www.cecchinicuore.org
[#2] dopo  
Utente 218XXX

Iscritto dal 2011
Grazie Dottore per la sua immediata risposta, 180 era la pressione che avevo al momento che mi trovavo al pronto soccorso, probabilmente sarà salita a causa del forte spavento visto che ho sempre avuto la pressione bassa. Il tracciato lo feci visionare a diversi medici che non riscontrarono nulla di anomalo, i battiti al minuto erano 135 lo ricordo ancora,. Quindi lei mi consiglia di fare questi esami? E ovviamente di buttare le sigarette.
Grazie.