Utente 218XXX
Salve,ho 22 anni e ho una curvatura credo congenita del pene,dato che da quello che ricordo l'ho sempre avuta,che mi reca dolori sopportabili ma costanti in fase di erezione.La curvatura è ventrale verso il basso.Da piccolo mi sono sottoposto a visite andrologiche che non hanno rilevato il problema ma comunque sono stato operato di briglia peno scrotale in eta infantile(questa era la diagnosi).Ora è arrivato il momento di risolvere il problema e proprio per tale motivo oltre allacurvatura il mio pene ha dimensioni che ritengo sotto la media:da 6 a 8 cm a riposo,12 cm in erezione cercando manualmente di eliminare la curvatura in modo da avere una misura piu precisa.Il tutto aggravato dal fatto che da piccolo fino a 1 anno fa ero obeso,oggi invece peso 75 kg e sono alto1,73cm e questo ha creato formazione di grasso intorno al pene oggi limitato ma non del tutto eliminato.Vorrei sapere se una eventuale operazione per correggere la curavatura comporti una diminuzione delle dimensioni del pene e se esiste riguardo quest'ultime una terapia farmacologica o chirurgica per risolvere eventualmene il problema.Mi scuso per la lunghezza del messaggio,ma molte erano le cose da dire e soprattutto da sapere in vista di una visita andrologica che prenotero il piu presto per risolvere il problema.Vi ringrazio in anticipo,egregi saluti

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Andrea Del Grasso
28% attività
0% attualità
12% socialità
PRATO (PO)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2009
Alcuni tipi di interventi per il pene curvo possono ridurre leggermente la lunghezza totale. Ma il problema non è per me quello: occorre riconsiderare, ora che ha 22 anni, tutta la situazione (curvatura, lunghezza ed eventuli esiti della pregressa chirurgia eseguita in età pediatrica). Sono utili innanzitutto le foto del pene in erezione. La terapia dovrà essere decisa in sede di visita, comunque se la curvatura è congenita la terapia, se necessaria, sarà molto probabilmente chirurgica. Saluti.
[#2] dopo  
Utente 218XXX

Iscritto dal 2011
La ringrazio per la risposta,volevo pero sapere se questo eventuale intervento sia complicato e se i risultati sono soddisfacenti.Inoltre riguardo le dimensioni,esiste qualche esame che magari possa evidenziare se effettivamente c'è qualche problema?Grazie in anticipo per le vostre risposte
[#3] dopo  
Dr. Ernesto Fina
28% attività
0% attualità
12% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2011
Caro ragazzo il problema congenito corretto chirurgicamente in età pediatrica ha lasciato qualche esito che lei attualmente rileva nella fastidiosa curvatura ventrale del suo pene.E' difficile con la chirurgia rimuovere del tutto le imperfezioni soprattutto se queste sono marcate e congenite,come nel suo caso.Comunque soltanto con una visita diretta e una valutazione in flaccidità e in erezione si può correttamente valutare la sua condizione e considerare l'utilità e l'opportunità di una ulteriore correzione,non scevra da eventuali risultati insoddisfacenti.Le ricordo,comunque,che accanto alla chirurgia esistono una serie di trattamenti di tipo fisico che sicuramente possono migliorare la distensibilità,l'elasticità e ridurre forse in qualche misura la tendenza alla curvatura del suo pene.Ritengo che questi trattamenti,soprattutto nel suo caso,siano di primaria importanza.
[#4] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
caro lettore,

il problema delle dimensioni del pene e della curvatura in un giovane che abbia "sofferto" in adolescenza di obesità, sovrappeso è abbastanza comune.
spesso residua del grasso a livello prepubico che tende ad "occultare" il pene con importanti problemi anche estetici
qualche informazione in più su www.erezione.org o su www.andrologiaroma.net
A mio parere dovrebbe farsi vedere da un andrologo "chirurgo" per affronatre in maniera organica il problema
cari saluti
[#5] dopo  
Utente 218XXX

Iscritto dal 2011
Ringranziandovi per la vostra attenzione al mio quesito,volevo rammentare solo che in età pediatrica non ho subito operazioni per correggere la curvatura del mio pene,perciò ritengo che laddove un andrologo me lo consigli,un intervento possa risolvere la questione dato che il mio pene in erezione misura circa 12 cm e la curvatura è intorno al cm8,5,risultando dunque complicato anche riuscire a "maneggiarlo".Perciò volevo sapere se un eventuale intervento risulti complicato e se una riduzione della lunghezza risulti eccessiva dato che la mia non è proprio nella norma.Infatti su alcuni forum,altre persone che avevano una curvatura congenita,raccontando la propria esperienza, hanno detto di essere assolutamente soddisfatti e che la lunghezza del pene in erezione è rimasta invariata.Grazie in anticipo,cordiali saluti.
[#6] dopo  
Dr. Ernesto Fina
28% attività
0% attualità
12% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2011
Nel suo caso la correzione chirurgica non dovrebbe comportare riduzione di lunghezza in quanto non si tratta di correggere una semplice curvatura ma di fare la lisi di briglie che provocare la trazione ventrale.Naturalmente ciò va accertato con una visita dal vivo.
Peraltro sono totalmente d'accordo con lei sulla importanza di voler migliorare il suo pene dal punto di vista dimensionale ed estetico.