Utente 473XXX
buona sera,sono un ragazzo di 22 anni.
ho un problema che da un pò di tempo mi perseguita:durante le fasi preliminari di un rapporto, quelle in cui mi aspetterei di raggiungere un certo grado di erezione anche senza che la mia partner inizi a toccarmi,il pene nn raggiunge alcun tipo di erezione.Il problema grosso modo termina nel momento in cui inizia lei a toccare me (ed anche con una certa insistenza), ciò nonostante è per me fonte di imbarazzo cominciare a farmi toccare con il pene completamente floscio.
Ho provato, sotto consiglio del mio andrologo dal momento che lamentavo problemi di erezione ,del cialis con il quale l'erezione è decisamente più forte ma ciò nonostante continua a rimanere assente
nelle fasi preliminari.Probabilmente il problema è di natura psicogena,tuttavia comincio seriamente a credere dipendi da un mio scarso appetito sessuale dal momento che il problema si manifesta anche con la mia partner abituale con la quale sono molto in confidenza e dal momento che ricordo che in passato,quando ero alle prime esperienze sessuali,raggiungevo forti erezioni molto più facilmente. Come si procede in questi casi?
grazie 1000 per l'attenzione

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
Prenota una visita specialistica
caro lettore,

penso sia opportuno che lei risenta il suo specialista per cercare di capire se i suoi sintomi siano legati allo stato di "eccitazione" o se siano dovuti a fenomeni vascolari.
cari saluti
[#2] dopo  


dal 2011
il mio medico mi fece a suo tempo (in data 09-10-2007) un "Eco-Colo Doppler Penieno Dinamico con test alle PGE1"
risultato:

"strati cutanei,sottocutanei e fascia dartoica nella norma.
corpi cavernosi nella norma per forma , volumetri ed ecostruttura.
Si visualizzano le arterie dorsali e cavernose che non presentano anomalie di decorso.

TEST DINAMICO:dopo iniezione di 2mcg di PGE1, si rileva buon incremento del flusso arterioso in corrispondenza delle arterie cavernose peniene che presentano:

A DESTRA un picco sistolico di 276 mm/sec
A SINISTRA un picco sistolico di 276 mm/sec

Adistanza di 15 minuti dalla somministrazione di 2mcg di PGE1,la rigidità ottenuta è stata di 60P"

l'esame a detta del medico è "non brillante ma nella norma".

Dal momento che mi è stato diagnosticato un varicocele al testicolo sx ho eseguito uno spermiogramma dal quale cmq è risultato essere tutto a posto.

Il medico non ha ritenuto importante fare alcun esame ormonale, ritenendo sempre che il mio sia un problema psicologico, magari accompagnato dal fatto che essendo le mie relazioni sessuali di tipo sporadico è come se "nn fossi abituato " (ovviamente ha utlizzato termini diversi".Da qui il consiglio di usare Cialis come terapia riabilitativa, sottolineando però il fatto che anche il cialis,se accompagnato da relazioni poco frequenti può essere poco funzionale ai fini di una corretta riabilitazione ("ma ha espressamente consigliato di tradire la mia ragazza! assurdo)

sarei cmq intenzionato a effettuare esami ormonali,potreste indicarmi quali?

grazie per l'attenzione e complimenti per il servizio reso
[#3] dopo  


dal 2011
potete darmi una valutazione circa l'esito dell' eco doopler?
grazie
[#4] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
caro lettore,

non posso sapere se le cose che lei afferma le siano state dette per intendere qualcos'altro. Personalmente non capisco una "terapia riabilitativa" in un giovane di 22 anni !
forse possono essere presenti fattori ormonali che richiederebbero una verifica con qualche analisi, forse esiste una problematica "psicologica" ma non escluderei anche fattori vascolari che impediscono al suo pene di ottenere una rigidità accettabile e di poterla mantenere per il tempo adeguato ad avere un soddisfacente rapporto sessuale.
Un altro parere specialistico potrebbe essere utile
cari saluti
[#5] dopo  


dal 2011
salve.
ultimamente da un punto di vista sessuale sto molto meglio: sto avendo erezioni forti e spontanee anche al mattino.
ciò nonostante ,in compagnia della mia nuova partner non riesco ad eccitarmi sicuramente per problemi di ansia da prestazione.
anche con l'utilizzo del cialis l'ansia limita notevolissimamente l'erezione oltre ad azzerare la libido.
Su internet ho letto che il meccanismo del viagra induce una erezione automatica che viceversa non ho riscontrato con il cialis.
volevo sapere se ciò è vero .
grazie 1000 a tutti
[#6] dopo  


dal 2011
risposte? no?
cmq avrei da chiedere anche un 'altra cosa:
non che creda o speri di far uso ancora per molto tempo del Cialis,ma sistematicamente ogni qual volta devo uscire con questa nuova ragazza ,ne prendo 12 pillola per nn farmi trovare "impreparato" almeno la prima volta (lo so che avrete da criticarmi..).
vorrei sapere se ci sono effetti collaterali noti derivanti dall'assunzione prolungata del farmaco o fenomeni di "assuefazione" (per i quali magari un giorno la dose di 12 pastiglia nn avrà + effetto su di me..)

grazie

spero rispondiate a questa ed alla precedente domanda
[#7] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Caro lettore ,
se ho ben capito lei è solito prendere mezza compressa, non 12 compresse di Cialis per eliminare la sua ansia di prestazione! Non è un comportamento criticabile in assoluto . Lo diventa se lei , vista anche la sua giovane età, non prevede una attenta e diretta valutazione andrologica del suo problema. E' questo che penso tutti i colleghi che mi hanno preceduto hanno cercato di dirle. Al suo ultimo quesito posso dirle poi che con tutti i farmaci avviene molto frequentemente un processo di "abitudine" , "assuefazione" per cui questi nel tempo funzionano meno bene , in termini farmacologici questo meccanismo viene definito tachifilassi. Se posso poi aggiungere un altro consiglio, a quelli già da lei ricevuti, per avere più informazioni dettagliate su queste tematiche può anche consultare l’articolo pubblicato sul nostro sito e visibile all'indirizzo:
http://www.medicitalia.it/02it/notizia.asp?idpost=22450. In questo articolo potrà trovare altre informazioni utili.
Un cordiale saluto .

Giovanni Beretta
www.andrologiamedica.org
[#8] dopo  


dal 2011
è vero che cialis ,assunto 2 volte al gg, può aumentare i livelli di testosterone?

grazie
[#9] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
No ! E' una notizia priva di ogni significato "farmacologico". Il Tadalafil (Cialis) è solo un vasodilatatore e non aumenta la quota di testosterone nel sangue.
Ancora un cordiale saluto .

Giovanni Beretta
www.andrologiamedica.org
[#10] dopo  


dal 2011
grazie per fare chiarezza circa la disinformazione dilangante sulla rete.

[#11] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Per questo motivo siamo presenti pure noi in rete.
Ancora un cordiale saluto .

Giovanni Beretta
www.andrologiamedica.org
[#12] dopo  


dal 2011
sto assumendo cialis 2-3 volte alla settimana,e comunque ogni qualvolta la stuazione con la mia nuova partner si fa "piccante".
Ciò nonostante,probabilmente per motivi di ansia,non sono ancora riuscito a raggiungere una erezione completa,che invece raggiungo durante la masturbazione.

volevo chiedere:

1)gli effetti collaterali del cialis (occhi rossi,rossore in viso) che accusavo in principio,sono ora praticamente assenti.Può questo voler significare che mi stia già assuefando al farmaco?

2)provare il viagra al posto del cialis potrebbe portare una risposta più soddisfacente?

3)nelle situazioni "piccanti" ho scarsa erezione poichè,credo anche per via dell'ansia, perdo appetito sessuale..per questo motivo il cialis mi risulta inutile!!che posso fare per aumentare la libido?esistono aiuti farmacologici in tal senso?

grazie 1000
cordiali saluti
[#13] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Caro lettore ,
penso che buona parte dei suoi problemi a questo punto abbiamo un'origine funzionale, psicologica . Prima di pensare ad altri interventi farmacologici potrebbe essere utile consultare un bravo psicoterapeuta.
Auguri ed ancora un cordiale saluto.

Giovanni Beretta
www.andrologiamedica.org