Utente 112XXX
Egregi Dottori,
vi illustro brevemente la mia lunga storia clinica e chiedo un vostro parere in merito. All'età di 17 anni ho cominciato ad accusare i primi disturbi al testicolo dx con diagnosi di epididimite sempre curata con velamox compresse 1g, questi episodi hanno continuato a manifesotarsi con la frequenza di circa 1 volta l'anno fino all'età di 28 anni.Quando sembrava che finalmente tutto si fosse sistemato ho cominciato ad avvertire un senso di pesantezza e di indurimento del testicolo sx,inizialmente mi sono rivolto al medico di famiglia che mi ha prescritto degli antinfiammatori( oki bustine ) ma purtroppo disturbo non svaniva...ho deciso così di rivolgermi ad un urologo( il quale dopo avermi visitato ha diagnosticato una "ipermobilità testicolare causa di algie testicolari ricorrenti" sconsigliandomi però qualsiasi forma di intervento di fissazione. Ultimamente però lo stesso sintomo lo riscontro al testicolo dx il quale sembra leggermente ingrossato nella parte superiore,ho notato inoltre che l'eiaculato da circa 3-4 mesi risulta "irregolare"rispetto al solito nel senso che è più eliquido e presenta alcuni grumi densi e gelatinosi di colore giallo.Ecco quindi le mie domande: l'ipermobilità testicolare può portare all'infertilità? a cosa può essere dovuta l'anomalie del liquido seminale? Datemi Voi qualche consiglio...... Grazie infinite!

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Alessandro D'Angelo
48% attività
4% attualità
16% socialità
TAORMINA (ME)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,
noto della confusione in Lei... è un caso che è nell'area di anestesia e rianimazione?
I malposizionamenti delle gonadi (ipermobilità del funicolo condizionante un danno termico o ischemico delle gonadi e quindi disfunzione secretoria) e degli epididimi (inversione verticale dell'epididimo e ampie disgiunzioni epididimo-testicolari, responsabili di alterata maturazione spermatozoaria o di fenomeni ostruttivi funzionali del tubulo epididimario), possono essere alcune delle cause di infertilità.
Ovviamente la diagnosi deve essere effettuata eseguendo spermiogramma, spermiocultura con antibiogramma ed eventuale esame citologico del secreto prostatico (per la ricerca di prostatiti occulte). Da questi esami,integrati da ulteriori controlli se necessari, potrebbe avere anche eventuali risposte sulla presenza di eventuali anomalie del liquido seminale.

Cordiali Saluti
[#2] dopo  
Utente 112XXX

Iscritto dal 2006
Mi scuso ma per un errore di digitazione ho inserito la mia domanda nel ramo medico evidentemente errato! I mie quesiti erano rivolti alla sezione andrologia....ringrazio comunque vivamente il Dr. D'angelo per la cordiale e puntuale risposta