Utente 177XXX
vorrei richiedere un consiglio su mia figlia : 27 anni, ha sofferto di atopia gia' da bambina con moderate manifestazioni cutanee (pelle secca), abbiamo fatto uso di creme emollienti sotto parere del dermatologo.
Tra i 2 e 3 anni, ha avuto un importante episodio di allergia con orticaria e gonfiore in tutto il corpo, combattuto con cortisone. (non individuato il fattore scatenante, piccolo assaggio di fragole?)
All'eta' di 15-16 anni ha avuto alcuni episodi di ''ponfi'' agli occhi ed alle labbra,senza aver potuto nuovamente individuare l'eventuale allergia.
Successivamente per alcuni anni ha sofferto di cheilite.
Passata questa, sono alcuni anni che ha problemi alle mani (principalmente la
destra) che iniziano con prurito, bollicine, gonfiore, poi escoriazioni, spellature, fessurazioni..
il patch-test ha evidenziato principalmente allergia al nickel ed all'acaro della polvere, pero' lei quasi mai ha problemi di allergia da contatto al nickel.
Abbiamo fatto molto visite in ospedali diversi incontrando sempre i soliti antistaminici, cortisonici, emollienti, barriere, diete ... ma fino ad ora con nessun risultato.
Ben sapendo la complessita' della D.A. (associata ad allergie?), vorremmo trovare un centro specializzato in Nord Italia (Emilia/Liguria/Lombardia)che si prenda cura del caso di mia figlia, sicuramente non grave, ma che comunque ha una influenza negativa sulla sua qualita' di vita.
Chiederei cortesemente un commento ed un consiglio. Ringrazio infinitamente.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
156628

Cancellato nel 2015
Buonasera.
Le mani possono essere sede di interesse della dermatite atopica ma anche di altre condizioni che con essa entrano in diagnosi differenziale.
Non mi piace indicare un centro piuttosto che un altro, soprattutto al di fuori della zona i cui esercito la professione. Non credo comunque che debba allontanarsi troppo da dove abita, trattandosi di una città che ha grandi tradizioni anche in questo senso.
Saluti,
[#2] dopo  
Utente 177XXX

Iscritto dal 2010
***ATTENZIONE!***
Questo consulto risulta aggiornato a più di DUE MESI fa:
valuta attentamente se la tua risposta può ancora essere utile all'utente!

Se ritieni opportuno inviare comunque il tuo consulto all'utente allora CANCELLA TUTTO QUESTO AVVISO e scrivi qui di seguito, grazie.
[#3] dopo  
156628

Cancellato nel 2015
???
[#4] dopo  
Utente 177XXX

Iscritto dal 2010
Mi scuso, non avevo inserito correttamente il testo.
vorrei chiedere se il vaccino sublinguale contro l'allergia agli acari - utile
per contrastare asma e rinite - puo' essere efficace o almeno di qualche
aiuto nel controllo della dermatite atopica complicata gia' spiegata
nel mio precendente messaggio.
Ringrazio ancora per ogni prezioso consiglio.
[#5] dopo  
156628

Cancellato nel 2015
Potrebbe influire positivamente, ma non coltivi eccessive speranze.
Saluti,
[#6] dopo  
Utente 177XXX

Iscritto dal 2010
Grazie mille comunque.
[#7] dopo  
Utente 177XXX

Iscritto dal 2010
vorrei approfittare ancora della Vostra gentilezza perche' naturalmente le difficolta'
con questa dermatite continuano, nonostante tutte le accortezze messe in atto, le
visite periodiche dal dermatologo/allergologo (attualmente oltre alle mani, anche il
viso e' interessato da gonfiore e dermatite...) .
Ho letto che - secondo alcuni pareri - l' Helicobacter pylori potrebbe essere
''responsabile'' anche delle dermatiti (....so che alcuni lo ritengono causa di
ogni male...e che forse non si conosce neanche a fondo...)
Potre avere un Vostro parere ?
Potrebbe essere utile fare anche questo controllo ?
Grazie mille naturalmente.
[#8] dopo  
156628

Cancellato nel 2015
Gentile signora,
capisco la vostra "disperazione", ma non credo che questa ulteriore ricerca possa modificare più di tanto la situazione.
Una vera relazione fra Helicobacter e dermatite atopica non è mai stata dimostrata e sembra ipotizzabile solo in casi particolari e particolarmente rari.
Vi consiglio di insistere con i controlli specialistici e di considerare, se si trattasse di una forma refrattaria ai trattamenti "classici", anche l'immunosoppressione.
Saluti,