Utente 104XXX
Salve,
martedì scorso ho avuto una forte colica renale con un dolore intenso a livello del fianco sx. Al pronto soccorso, dopo antidolorifici e antispastici, mi hanno fatto un'ecografia dalla quale è risultato che ho una discreta dilatazione pielo-caliceale ma non è stato possibile individuare i calcoli. Inoltre il risultato della creatininemia è 0.88(0.5-0.9) e quello dell'azotemia è 50(10-50).
ieri ho fatto l'esame delle urine e questi è il risultato:
aspetto:limpido;
ph 6(4.5-7.5);
nitriti assenti;
glucosio assente;
peso specifico 1015 (1008-1030);
emoglobina 100 (0-2);
proteine 10 (0-30);
bilirubina, urobilinogeno, corpi chetonici 0;
emazie: diverse 9-20 elementi (assenti);
leucociti:diversi (assenti);
piociti,muco pus,cilindri,cristalli e batteri assenti.
Mi hanno dato la cura con levoxacin 500 per 5gg.,antidolorifi al bisogno, 2.5l di acqua oligominerale al giorno,lithos 1cp la sera e fare bagni caldi.
Da martedì non ho avuto più coliche ma solo un leggero indolenzimento alla zona lombare. Vorrei sapre come mai non è stato possibile individuare il calcolo con l'ecografia e qual è più o meno il tempo necessario per espellerlo(sperando di riuscirci). Poi volevo sapere come mai l'emoglobina è così alta?C'è da preoccuparsi?
Grazie della disponibilità.
Cordiali saluti.

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Gino Alessandro Scalese
52% attività
20% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2000
Prenota una visita specialistica
Gentile utente,
la presenza di dilatazione delle vie urinarie (idronefrosi) sicuramente è causata da una ostruzione al deflusso delle urine che può anche essere causata da un calcolo che sta transitando attraverso il condotto che unisce il rene alla vescica (uretere); tale condotto non è possibile visualizzarlo ecograficamente (tranne in casi particolari e solo da ecografisti esperti) e quindi non si riesce a visualizzare l'eventuale calcolo, per cui è utile effettuare ulteriori indagini radiologiche per chiarire meglio la situazione. E' la norma che durante un episodio di colica si abbia l'alterazione di uno o più parametri dell'esame urine che comunque vanno ricontrollati una volta risolta la situazione. Non è conveniente assumere eccessive quantità di acqua in corso di colica ed in presenza di idronefrosi accentuata.

Se le può essere utile può leggere il mio articolo:
http://www.medicitalia.it/ginoalessandroscalese/news/1468/Come-gestire-i-piccoli-calcoli-renali