Utente 226XXX
Buongiorno,
sono un ragazzo di 24 anni, peso 59kg. Non fumo/non bevo, mi alimento in modo corretto e sano, ma conduco una vita molto sedentaria e trascorro per studio e lavoro molte ore seduto al pc (anche 10-12 ore al giorno talvolta). Soffro saltuariamente di ansia in periodi di forte stress. Da circa un mese, una leggera ma fastidiosa nausea sempre presente, mi ha indotto una certa mancanza di appetito e mi ha costretto a ridurre i pasti (e a riposo a letto per tutto il periodo). Infatti, sono passato da 63kg a 59 nel giro di un mese. Inoltre è presente un costante senso di debolezza. Quindici giorni fa ho avuto un episodio di gastrite durato 2 giorni (dolore diffuso allo stomaco, nausea, scialorrea, deglutizione continua, eruttazioni, vomito) dovuto soprattutto all'ansia. Recatomi dal medico una decina di giorni fa per la nausea ma soprattutto per la debolezza, mi è stato prescritto esomeprazolo 40mg la sera, riopan 800mg dopo i pasti. Integratore Neovistres. Non ho più nausea o dolori. Permane il senso di debolezza muscolare. Se compio piccoli sforzi, i muscoli tremano (come dopo una seduta in palestra). Esami del sangue completi di pochi giorni fa.

Gli unici valori fuori soglia sono

Linfociti 3.3 10~3/uL (1.0-3.2) *

Granulociti eosinofili 7.2% (0.0-7.0) *
0.6 10~3/uL (0.0-0.5) *

Ormone tireostimolante 2.200 mcUI/ml (0.270-4.200)
Triodotironina libera FT3 3.00 pg/ml (2.00-4.40)
Tiroxina libera FT4 17.48 pg/ml (9.30-17.00) *

Inoltre:
Ricerca helicobacter pyl. Negativa

Il mio medico mi ha detto che le analisi non presentano problemi e i valori fuori soglia sono assolutamente minimi e fisiologici. Ho effettuato inoltre rx seni paranasali per sospetta sinusite (ipetrofia dei turbinati riscontrata 3 anni fa dall'otorino ma mai curata, che mi causa cattiva respirazione, gola secca e irritata al risveglio la mattina, mal di gola durante l'inverno, muco). Di seguito i risultati:

Teca regolare
Sella regolare
Nei lmiti la trasparenza delle cavità paranasali
Ipertrofia della mucosa dei cornetti

Il mio medico mi ha detto che è possibile che io abbia avuto un attacco di sinusite.

Ho già trattato in passato la gastrite con la stessa categoria di medicinali (lansoprazolo, procinetico, antiacidi) su avviso del gastroenterologo, circa 2 volte all'anno nei periodi di stress o durante i cambi di stagione, soffro di questo problema che dopo un paio di giorni si attenua e scompare da solo. Il gastroenterologo disse inoltre di prenotare un rx dell'esofago con mezzo di contrasto eventualmente dopo la cura. Non avendo mai avuto gravi problemi, non mi sono mai voluto sottoporre a gastroscopia (e fino ad ora ho preferito evitarla).

Al momento, permane il senso di debolezza (tremore muscolare sotto sforzo) e la rinite (naso chiuso, muco retronasale, leggera cefalea, orecchie che si tappano) per via dei turbinati.

Grazie anticipatamente.
[#1] dopo  
Dr. Alessandro Scuotto
56% attività
20% attualità
20% socialità
COMO (CO)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile signore,
l'aspetto gastroenterologico sembra conseguenza della probabile infiammazione delle alte vie respiratorie. Se la sintomatologia non è più presente non è indicata una indagine strumentale e comunque la rx esofago non porterebbe nessuna informazione utile.
La debolezza muscolare è probabilmente da porre in relazione con il dimagramento da inappetenza, il tremore da sforzo non è un dato patologico.
Le analisi di laboratorio presentano minime alterazioni, ma è consigliabile rivedere tra un po' di tempo le indagini tiroidee.
Le consiglio una rivalutazione clinica (visita) dello specialista otorinolaringoiatra.
Cordiali saluti.
[#2] dopo  
Utente 226XXX

Iscritto dal 2011
Gentile Dr.Scuotto,
ho effettuato la visita dall'otorino per il riscontro sull'ipertrofia che a parere del medico è davvero leggera. La cura che mi è stata prescritta per la rinite vasomotoria è Rinovagos spray 2 app. al dì e Aerius compresse una alla sera, il tutto per 15gg.

Per quanto riguarda lo stomaco, ho sospeso ieri il Nexium 40mg e il Riopan 800mg (mi erano stati prescritti per 10gg). Purtroppo persiste la necessità a deglutire di continuo, cardiopalmo, eruttazioni, scialorrea e la tensione gastrica (che aumenta con l'aria ingerita nel tempo) associato a leggeri dolori sotto la costola sx/sotto la scapola sx. Nei 10 giorni di cura ho avuto degli alti e bassi, non posso dire comunque di aver benefici notevoli. Forse è una mia impressione, ma il Lansoprazolo che ho già assunto in passato sì rivelò più efficiente dell'Esomeprazolo, che non avevo ancora mai provato. Agli inizi del 2009 feci un cura di 6 mesi (associato a Levopraid), che sì rivelò abbastanza efficace per tutto il 2010. Pensavo di essere guarito, ma il problema si è nuovamente ripresentato. Questi problemi si presentano in modo identico almeno 2 volte all'anno dal 2005. Episodi sporadici che duravano circa 2-3 giorni e si risolvevano da soli senza assunzione di medicinali. Adesso invece sono passati più di 10 giorni senza essere guarito totalmente. Crede che sia motivo di preoccupazione per complicanze/patologie ben più gravi? Purtroppo ho sempre cercato di evitare la gastroscopia e non capisco se la cura dovesse essere protratta nel tempo visto il ripresentarsi dei soliti sintomi. Le chiedevo circa la radiografia poichè rileggendo sulle prescrizioni del mio gastroenterologo, ho notato la dicitura "Prenotare eventualmente EGDS o rx esofago baritato". Credevo che la radiografia fosse una possibile alternativa. Cosa cosa mi consiglia di fare?

Ringrazio anticipatamente.
[#3] dopo  
Dr. Alessandro Scuotto
56% attività
20% attualità
20% socialità
COMO (CO)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile signore,
è probabile che a seguito della terapia prescritta dall'otorinolaringoiatra riporti anche un miglioramento dei sintomi gastrointestinali. Se questi dovessero persistere l'indagine strumentale che permette una valutazione corretta delle condizioni della mucosa (nell'ipotesi diagnostica di reflusso esofageo con o senza infiammazione) è l'endoscopia: la rx non aggiungerebbe nulla a quanto è già noto.
Cordiali saluti.
[#4] dopo  
Utente 226XXX

Iscritto dal 2011
Gentile Dr.Scuotto,
in effetti come aveva previsto, con la cura per l'ipertrofia i sintomi gastrointestinali sono migliorati notevolmente.

Purtroppo persiste la debolezza/tremore muscolare, talvolta confusione mentale che mi impediscono di svolgere le normali attività senza provare affaticamento e disagio. A tal proposito ho prenotato una visita neurologica. In più il mio medico mi ha prescritto un integratore di carnitina e nuova visita tra 15 giorni.

Come da avviso, ripeterò più avanti le indagini di funzionalità tiroidea. A cosa può essere dovuto quel leggero innalzamento della tiroxina libera? Tsh ed ft3 sembrano essere nella norma.

La ringrazio per il suo tempo.

Cordiali Saluti
[#5] dopo  
Dr. Alessandro Scuotto
56% attività
20% attualità
20% socialità
COMO (CO)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile signore,
mi fa piacere che stia progredendo verso una condizione di benessere.
E' molto probabile che la possibilità di instaurare una alimentazione più ricca porti alla risoluzione anche della sintomatologia muscolare.
Per quel che riguarda il valore di fT4, l'incremento è così lieve che non suggerisce ipotesi diagnostiche. E' buona regola, in questi casi, verificare se - come è probabile - si sia trattato di un reperto occasionale senza valore patologico. In caso contrario si procederà con indagini mirate per inquadrare correttamente la disfunzione tiroidea.
Cordiali saluti.
[#6] dopo  
Utente 226XXX

Iscritto dal 2011
Gentile Dr.Scuotto,
dopo 2 mesi aggiorno la mia situazione con i risultati delle indagini eseguite, compreso un nuovo controllo della tiroide. Purtroppo non sono ancora riuscito a venirne a capo, persiste la debolezza/malessere generale, inoltre sovente ho notato una febbricola serale, linfonodi del collo lievemente reattivi (da diversi giorni tornati alla normalità), e infine da alcuni giorni un leggero dolore altezza laringe (con senso di oppressione), tosse secca e stizzosa, naso chiuso anche a causa dei turbinati, muco retronasale. Non capisco se sia collegato o soltanto una manifestazione passeggera del freddo invernale.

Esofagogastroduodenoscopia con biopsia: esofago regolare, cardias in sede, tonico. Non esofagite. Abbondante muco gastrico chiaro. Non lesioni sino alla sec. porzione duodenale. BIo antro per HPy (in attesa di referto biopsia, precedente ricerca nelle feci negativa).

Emocromo senza formula leucocitaria del 5/11 (eseguito in pronto soccorso per improvvisa tachicardia): unico valore fuori range Potassio 3.30 mMol/L (3.50-5.10).

Visita cardiologica + ECG: relativa tachicardia sinusale, non segni clinici di cardiopatia. Da rivedere dopo dosaggio ormoni tiroidei e visita neurologica.

2 visite neurologiche: nulla di significativo in anamnesi

Ecografia tiroidea: tiroide in sede di forma e dimensioni regolari, a margini netti con ecostruttura regolarmente iepercogena omogenea. Non lesioni focali solide o cistiche. Non tumefazioni linfonodali in regione latero-cervicale bilateralmente.

Nuovo emocromo del 22/12: anticorpi anti ebv VCA Igm ASSENTI IgG DUBBIO
Anticorpi anti ebv EBNA IgG PRESENTI (come intepreto tali valori?)

Cpk, Tsh, FT4 Anticorpi antiperossidasi e anti tireoglobulina nei range

Potassio: 3.63 mEq/l (3.50-5.10)

Il medico di famiglia ha suggerito di rivedere i turbinati per un eventuale intervento, la terapia farmacologica purtroppo ha risolto il problema solo momentaneamente e alla sospensione della cura si è ripresentato.

Grazie ancora per i preziosi consigli.

Cordiali Saluti