Utente 232XXX
Salve, ringrazio anticipatamente per l ottimo servizio offerto e per il vostro aiuto...problema: sono un ragazzo di 20 anni  che fino ad ora ha avuto scarsissimi rapporti sessuali (solo una volta)..Da un po di anni a questa parte ho iniziato ad avere dei problemi a livello sessuale: quando mi si presenta l occasione di avere a che fare con una ragazza ho emissioni copiose di "liquido di cowper", anche solo parlandoci (ciò ha fin da subito condizionato moltissimo i miei rapporti e ha portato una chiusura caratterialmente parlando in me stesso) il tutto accompagnato con dolori al testicolo sinistro (una volta mi è capitato di perdere la vista per qualche secondo ed avere i testicoli completamente asciutti oltre che un dolore atroce, per 3 ore con cui sono stato con una ragazza) Da qualche periodo mi sono fatto coraggio e ho deciso di consultarmi con un andrologo e un urologo.L urologo non mi ha riscontrato nulla, mentre l andrologo (dopo spermiogramma, ecodopler ed altre visite)mi ha riscontrato si che i miei testicoli sono normali e che non c era presenza di varicocele, ma ha riscontrato anche che  il mio "testicolo sinistro è troppo mobile e piccolo"(una notte, nel sonno mi si era schiacciato il testicolo sinistro e un piegamento del pene in fase dierezione  causandomi un dolore assurdo non so se abbia gravato sulla situazione) con il rischio che si possa contorcere..l operazione per il testicolo mobile ce l avrò fra 4 o 5 mesi (periodo di attesa del sistema sanitario), ma questa siturazione mi sta logorando...Secondo voi tutti i miei problrmi fin qui elencati sono dovuti direttamente al "testicolo mobile" ? Con l operazione questi sintomi spariranno?Anche io non mi capacito della situazione, sembra assurda persino raccontarla e mi crea un forte disagio...Sono sicuro, per quanto riguarda il liquido di cowper che non si tratti di una vera e propia eiaculazione preecoce (ma emissioni copiose che portano dolore ai testicoli)..per ora non sono riuscito ad avere delucidazioni soddisfacenti in merito...mi auguro che riusciate a darmi delucidazioni e spiegarmi cosa io possa fare..ringrazio ancora

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile giovane lettore,

sembrano due problemi distinti.

Sul secondo tema difficile, senza una valutazione clinica diretta, dire qualcosa di diverso da quello sostenuto dal suo andrologo.

Sul primo problema invece, cioè il liquido prodotto "in modo copioso" dalle ghiandole di Cowper, da lei osservato, posso dire che generalmente questo serve ad alzare il pH a livello dell'uretra, cioè il "canalino" da dove esce l'urina ma anche lo sperma.

Questo liquido permette agli spermatozoi, presenti nel liquido seminale, di uscire senza essere "colpiti" dall'acidità che generalmente è presente in questa struttura anatomica da dove passa appunto anche l'urina acida.

Comunque, se questo liquido è "abbondante" o fuoriesce in situazioni non previste, è bene far rivalutare la situazione anche dal suo andrologo di fiducia; in alcuni casi questo "disagio" può segnalare un problema infiammatorio a livello delle vie seminali.

Un cordiale saluto.
[#2] dopo  
Utente 232XXX

Iscritto dal 2011
Ma ho notato che propio nel momento in cui ho questa "uscita copiosa" di liquido di cowper (a volte senza che il pene sia in erezione) manifesto dolori al testicolo (come se si stesse asciugando il testicolo e rimanesse privo di liquido) da quello avevo dedotto che le due cose potrebbero essere connesse. Esiste un modo per riscontrare se il problema è un imfiammazione delle vie seminali? L andrologo da me consultato mi disse che per eliminare il problema alla radice si poteva optare assumendo degli antiandrogeni ( o una cosa del genere non mi ricordo la parola) ma lo aveva sconsigliato fortemente poichè su un ragazzo di 20 anni avrebbe dato molte controindicazioni e avrebbe ucciso la nomale produzione di spermatozoi...Non saprei propio come intervenire al problema..Grazie ancora e soprattutto complimenti per l efficenza del servizio
[#3] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettore,

prima di pensare ad eventuali terapie, soprattutto ormonali, è bene avere almeno una preliminare valutazione in questo senso e poi inoltre potrebbe essere utile, sempre dopo aver consultato esperto andrologo ed in presenza di una sospetta infiammazione delle vie seminali, fare anche delle valutazioni colturali sul liquido seminale ed ecografiche delle vie uro-seminali.

Cordiali saluti.
[#4] dopo  
Utente 232XXX

Iscritto dal 2011
L anno scorso circa ho fatto l esame delle urine e dell infertilità ( di esami ne ho fatti veramente tanti e non so più dove andare a parare).
Qui riporto i valori
colore: giallo oro
Aspetto: limpido
pH: 5.0. 5.5 -7.7
Peso specifico: 1.019
Glucosio assente
Chetoni assenti
Bilirubina assente
Urobilinogeno assente
Proteine assenti
Nitriti assenti
Emazie e/o emoglobina assenti
Leucociti assenti

Esame citofluorimetrico del sedimento
Eritrociti 14 Cell/mL 0-15
Leucociti 2. Cell/mL. 0-20
Cellule epitali 2. Cell/mL 0-20

Urina esame colturale negativo

Microbiologia liquido seminale, ricerca mycoplasma
Esame Colturale: nessuno sviluppo di mycoplasma hominis e di ureaplasma urealyticum

Ricerc trichomonas
Esame es microscopico. Risultato negativa la ricerca di trichomonas vaginalis



per quanti riguarda l esame infertilità mi è stato detto che ho gli spermatozoi un po meno mobili rispetto alla norma ma comunque nulla di preoccupante a riguardo.

[#5] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Spermiocoltura, oltre al Micoplasma, Ureaplasma e Trichomonas , anch'essa negativa?
[#6] dopo  
Utente 232XXX

Iscritto dal 2011
Riporto i valori dell esame che, purtroppo, non sono in grado di leggere e capire. Ringrazio ancora una volta anticipatamente

Esame INFERTILITÀ
CARATTERI GENERALI DELLO SPERMA

periodo di astinenza 4 giorni
Volume 4.5 mL. valori di riferimento 2.0-5.0
Coauguli assenti
Tempo di fluidificazione il campione fluidifica normalmente (entro 20 minuti)
pH. 8 U 7.2-8.0
Colore giallastro
Viscosità normale
Lunghezza filamento 0 cm
Numero spermatozoi 20.7 milioni/mL. >20.0
Numero spermatozoi nell eiacuko 93.24 milioni/eiac > 40.0
Cellule rotonde. 0.004 mikioni/mL <5000
Cellule rotonde/spermayozoi. 0.02 %
emazie assenti
Leucociti 177 migliaia/mL < 1000
granuli (strutture jaline) assenti
Cellule di sfaldamento presenti
Agglutinazionr assenti
Vitalitá. 53%. 75-100
MOTILITÀ DELLO SPETMA
progressiva rapida a 60 min. 10%. 25-100(microspia ottica)
Progresjsiva a 60 min 28%
Non progressivs a 60 min 34%
assente a 60 minuti 28%
motilità totale a 60 minuti 72%
motilita progressiva totale a 60 minuti 38%

MORFOLOGIA SPERMATOZOI
macrocefali 4%
microcefali0%
testa vacuolats 14%
anomalie dell acrosoma 46%
testa allungate 16%


Teste doppie 4%
immaturi 6%
coda arrotolata 0%
code doppie 0%
forme tipiche 10%. 14-100
Forme atipiche 90%

Conclusioni diagnostiche: astenozoospermia teratozoospermia
[#7] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettore,

in questo esame del liquido seminale sembra essere presente una riduzione della motilità e della normale morfologia dei suoi spermatozoi.

Senta ora un andrologo e con lui ripeta in ambiente dedicato un altro esame del liquido seminale.

Se confermata la dispermia poi bisognerà capire le eventuali cause implicate in questo problema.

Cordiali saluti.
[#8] dopo  
Utente 232XXX

Iscritto dal 2011
Ringrazio per la disposizione da voi mostratami. Un ultima cosa: in preda al panico, in questo momento stavo cercando di documentarmi online fra vari siti andrologici. Tempo fa io subii ( come riportato nel messaggio sopra postato) un piegamento del pene durante la fase di erezione nella quale sentii propio un rumoraccio (crack). Ciò è successo 4 o 5 anni fa ma io non feci nulla dopo. Ora stavo leggendo che poteva trattarsi della cosiddetta "frattura del pene" e che bisognava andare ad agire tempestivamente, cosa che io non ho fatto. Potrebbe essere questa la causa di tutti i miei mali? Cosa posso fare per rimediare? Riporto che il mio pene non presenta, alla vista curvature strane però in fase di eiaculazione noto che il pene "pulsa" (cosa che credevo nromale fino ad oggi). Sono abbastanza disperato dalla situazione che non sembra avere ne capo ne coda
[#9] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettore,

ormai siamo al "panico puro"!

Si rilassi e non faccia strani ed improbabili collegamenti tra problematiche cliniche diverse e, senza perdere altro tempo prezioso, consulti ora in diretta un esperto andrologo.

Questo è l'unico modo per riportarla sulla terra.

Cordiali saluti.