Utente 548XXX
buona sera dottori, vi chiedo aiuto in quanto non riesco a trovare una soluzione al mio problema e "sto impazzendo".
Le ultime 3 ragazze ke ho frequentato hanno contratto entrambe il papilloma virus. Ho deciso di fare delle indagini in quanto ho notato che il problema è stato avvertito nel momento in cui loro hanno usato la pillola ed io non più il preservativo. Sono stato dall'andrologo-urologo il quale non avendo trovato nulla di visibile mi ha prescritto i seguenti accertamenti:
tampone uretrale, anale, scrotale e balano-prepuziale, oltre alla peniscopia,esame colturale del liquido seminale e delle urine. Risultato? tutte le indagini con esito negativo. esiste un esame del sangue o altre indagini ke mi permettano di escludere che sia io il portatore? Spero mi rispondiate al più e in attesa vi ringrazio per la disponibilità
[#1] dopo  
Dr. Luigi Mocci
40% attività
12% attualità
20% socialità
TORTONA (AL)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2005
Gentile paziente,
la domanda che lei ci pone è tra le più complesse alle quali rispondere: il virus HPV anzi , i virus HPV (visto che sono una grande famiglia) sono sempre fonte non solo di problemi fisici ma anche di tutta una serie di problematiche legate di volta in volta all'equilibrio della coppia o a quello che di psichico provocano anche in un single che sospetti poterlo avere contratto.
Mi spiace che lei non abbia ricevuto chiare notizie dall'andrologo (specialità che non esiste sull'elenco delle specialità)ma non me ne stupisco, per carenza di mezzi cultutrali in merito da parte di tutta quella categoria di colleghi. Ricordi che l'unico specialista delle patologie genitali e che si può fregiare del titolo di specialista in malattie veneree è esclusivamente il dermatologo. Tutti gli altri sono solo dei pasticcioni e dei sedicenti tuttologi: lo si denota dalla ridda di esami senz senso che il collega cui si è rivolto le ha chiesto; l'unico utile sarebbe stata la visita dermatologica con eventuale penescopia, certo, ma valutazione dermatologica.
Tornando ai suoi timori temo che la risposta che chiede non gliela possa dare nessuno con un nminimo di serietà, perchè il medico ha un limite nel potere esaminare la patologia da HPV che è quello del potere risolutivo degli strumenti che adopera: Mi spiego meglio: HPV è un virus e, come tutti i virus vive dentro le cellule, perchè non è in grado di farlo al di fuori: Sfrutta tutti i sistemi riproduttivi delle cellule che infetta e, quando si è riprodotto in numero enorme, distrugge la cellula che aveva sfruttato e si diffonde a quelle vicine. Dato che il numero di virus prodottisi in una singola cellula è enorme, può tranquillamente capire come l'infezione sia, a livello cellulare, esponenziale.
Ma quello che noi vediamo non sono le cellule infette ma bensì la manifestazione che esse provocano. In soldoni: lei può avere avuto contatto col virus (si consoli, è diffuso ubiquitariamente, e secondo alcuni quasi tutte le donne in età fertile lo hanno, anche se non in forma clinica), le cellule della sua mucosa genitle possono essere state ifettate ma lei può, a dispetto di tutte le visite che voglia effettuare, avere asolutamente niente di visibile. Questo ci porta ad un altro aspetto abbastanza seccante di questi virus e cioè la lunghezza del'incubazione, per cui giustifica i controlli periodici effettuati per lungo tempo. In pratica per un certo periodo ditempo, avendo lei molto probabilmente avuto contatto con ilo virus, le consiglierei di effetuare delle visite dermatologiche e penescopie periodiche, ate a verificare un'eventuale manifestazione clinica.
Detto così èpotrebbe parere inquietante, ma in realtà è una cosa banale e poco impegnativa: quando dovesse eventualmente venire fuori qualcosa si potrebbe agire. Esendo una patologia facilmente curabile, non si preoccupi più di tanto. Invece c'è anche un'altro scenario da considerare e cioè che lei possa non avere contratto il virus, ma lo potremo sospettare dopo che le visite saranno ripetutamente negative.
Spero di averla, almeno in parte soddisfatta e le porgo i miei migliori saluti, consigliandole rapporti protetti dall'inizio alla fine, sempre.

A disposizione

DR. Mocci
[#2] dopo  
Dr. Luigi Laino
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Per escludere una infezione attiva da HPV (condilomatosi genitale) nel sesso maschile è necessario, unico e sicuro il videa Venereologico: negativo quello, stia pure tranquillo al 100%.

cari saluti
Dott. Luigi Laino
Ricercatore Dermatologo e venereologo,
malattie sessualmente trasmissibili, ROMA