Utente 236XXX
Buonasera,
mia mamma (54 anni) ha subito a maggio una resezione completa del retto a causa di una neoplasia a 7 cm dal margine anale, con conseguente confezionamento di ileostomia temporanea. A novembre ha subito l'intervento per la chiusura della stomia e ricanalizzazione, che è andato bene.
Dalla chiusura della stomia, però, ha spesso necessità di andare in bagno, soprattutto immediatamente dopo i pasti e durante la notte, cosa che credo sia normale. Quello che mi preoccupa è che a volte sente lo stimolo ma senza avere una reale necessità di andare di corpo ed è successo qualche volta (due-tre volte, nell'arco di due mesi) che ha accusato feci sottili. Il chirurgo che l'ha operata l'ha visitata dopo entrambi gli interventi e nella fase di riabilitazione tra il primo ed il secondo intervento ed era tutto nella norma. Inoltre, a metà novembre ha fatto i controlli ed una ecografia completa dell'addome, in cui fortunatamente non si è evidenziato nessun problema.
Ora siamo un po' suggestionati e probabilmente impauriti... ma in base a quanto ho scritto cosa ci potete consigliare, oltre ad una visita da parte di un esperto?
Grazie, saluti

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Roberto Rossi
40% attività
16% attualità
16% socialità
TORINO (TO)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
Gentile signora la resezione anteriore del retto comporta la perdita dell'ampolla rettale che ha la funzione di serbatoio del bolo fecale.Pertanto è del tutto normale che, specialmente nei primi tempi dopo l'intervento e specialmente dopo la confesione di una derivazione,si manifestino problemi come quelli da lei riferiti. Vedrà che nel tempo la situazione migliorerà gradatamente. In ogni caso non c'è motivo di allarme.
[#2] dopo  
Utente 236XXX

Iscritto dal 2012
Grazie dottore per la sua risposta tempestiva. Ora aspettiamo di fissare la visita per essere più tranquilli ma già le sue parole mi danno conforto. Grazie, un caro saluto