Utente 229XXX
salve.oggi ho ritirato le analisi che mi aveva prescritto l'andrologo,sembra tutto a posto,ma nell'attesa di tornare dal medico mi piacerebbe avere una conferma per stare tranquillo:
colturale sperma negativo
colturale myco/ureaplasma negativo
tireotropina 1,72 valore di rif . 0,35-5,00
prolattina dopo 0 min 184 val.di rif 45-375
prolattina dopo 20 min 138 val.di ri 45-375
testosterone 4,7 valore di rif 2,4-8,3
glucosio 96 valore di rif 65-110
hba1c(ifcc) 36 valore di rif 20-38 livello decisionale 48
hba1c(dcct) 5,5 valore di rif 4,0-5,6 livello decisionale 6,5

in ogni caso mi chiedevo se queste analisi sono sufficienti per escludere la presenza di problemi fisici alla base di difficoltà erettive,o se invece sarebbero necessarie analisi più approfondite.
grazie per l'attenzione,buona serata.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro Utente,l'erezione è un meccanismo prettamente vascolare,per cui mi sembra paradossale che non sia stato eseguito un ecodoppler penieno.Ovviamente,la tutela psichiatrica va garantita.Ci aggiorni in merito.Cordialità.
[#2] dopo  
Utente 229XXX

Iscritto dal 2011
a dir la verità ho un pò il sospetto che l'andrologo (dell'usl) sia stato un pò sbrigativo.dopo che gli spiegato il mio problema,ansia compresa,ha palpato i testicoli il pene e la prostata e ad altre cose non ha accennato,mi ha detto che dopo aver visto le analisi avrebbe deciso la cura.nel caso il medico non lo proponesse,lei mi consiglia di chiederlo io di eseguire l'ecodoppler penieno?
grazie mille,buona giornata.
[#3] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
...il Suo caso prevede l'azione sinergica dello psichiatra con l'andrologo ed il medico di famiglia.Aspetterei per vedere che tapia pensa di prescriverLe l'andrologo di riferimento.Cordialita'
[#4] dopo  
Utente 229XXX

Iscritto dal 2011
ha ragione,Dottore.meglio aspettare,alla fin fine non sono sposato e non ho una relazione.quindi non c'è nessuna necessità...o per l meno nessuna necessità urgente.
la ringrazio per le risposte e le auguro buon lavoro.
[#5] dopo  
Utente 229XXX

Iscritto dal 2011
salve,vorrei aggiornare sulla mia situazione...l'andrologo mi ha prescritto topster supposte e ciproxin per 10 giorni,saba per 30 giorni,con l'indicazione di farmi rivedere se la cura non avesse funzionato e in tal caso mi avrebbe dato "farmaci per l'erezione".sono andato anche da uno psichiatra,secondo il quale al momento non ho problemi psichiatrici.la cura l'ho terminata,ma di erezioni neanche l'ombra,completamente assenti.
a questo punto ho qualche dubbio...l'antibiotico a cosa doveva servire se la spermiocoltura era negativa?non sarebbe stato utile fare qualche altro esame,ecografie ecc., per accertare le cause di un così grave deficit dell'erezione?
ringrazio anticipatamente chi mi vorrà dare il suo parere.
saluti.
[#6] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
...senza una diagnosi andrologica,credo che i dubbi ed i disagio persisteranno.Mi sembra strano come lo specialista di riferimento non abbia previsto di richiedere un ecodoppler penieno dinamico...magari negativo ,ma certamente utile per la diagnosi che dovrebbe,sempre,precedere una terapia.Quanto alla prescrizione di una terapia antibiotica per la prostatite,essa va giustificata dal fatto che non sempre si riesce ad identificare il germe patogeno e,comunque,non credo che la stessa possa essere una causa,bensì,magari,l'effetto di una disfunzione erettile.Cordialità.
[#7] dopo  
Utente 229XXX

Iscritto dal 2011
grazie dottor Izzo per aver risposto...
proverò a chiedere al medico di fare ulteriori esami.non mi va molto l'idea di prendere farmaci per tentativo.l'andrologo durante la visita non ha detto niente al riguardo,quindi probabilmente non è niente,ma ho sulla cute dello scroto una vena molto visibile abbastanza grossa ,in rilievo,di colore blu violaceo,intorno a questa vena ci sono come dei capillari di un rosso molto acceso.ho l'impressione che durante la stagione calda e dopo attività fisica questa vena gonfi ancora di più.dottore,secondo lei di cosa si tratta?
ci potrebbe essere una relazione con la disfunzione erettile?
cordiali saluti
[#8] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
...la vena in questione è superficiale ed è normalmente irrorata,specialmente dopo uno sforzo fisico,un rapporto sessuale etc.Comunque,non partecipa in alcun modo al meccanismo erettile.Ci aggiorni,se ritiene,dopo la diagnosi andrologica...Cordialità.
[#9] dopo  
Utente 229XXX

Iscritto dal 2011
ok,Dotttore...ancora grazie per l'attenzione.