Utente 236XXX
Buongiorno,
ho 49 anni e, da circa 5 anni, mi sono state diagnosticate, tramite esame ecografico, 2 piccole placche calcifiche di circa 4 mm di diametro longitudinale, sostanzialmente invariate rispetto all'inizio.
Ho assunto, dietro prescrizione, per circa 1 anno, una compressa al giorno di vitamina E.
La curvatura non è significativa, tale da non compromettere i rapporti, però, ultimamente, ho un'erezione problematica: il pene appare meno tonico e, anche quando raggiunge l'erezione, è di brevissima durata.
Il mio dubbio è se tutto ciò possa rientrare esclusivamente nella patologia sopra indicata, oppure si tratti di qualcos'altro, anche a livello nervoso.
Conduco una vita apparentemente normale e soddisfacente dal punto di vista affettivo.
Grazie per il consiglio che vorrete darmi.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Prof. Giovanni Maria Colpi
28% attività
0% attualità
16% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2011
gentile lettore, il suo legittimo dubbio può essere risolto in mani esperte attraverso una specifica ecografia da effettuare presso lo specialista andrologo.

in tale occasione, sarà perciò anche utile valutare se le due placche che ha citato sono invariate o aumentate.

le consiglio perciò una visita andrologica, al fine di valutare le migliori terapie del caso.

cordialità
[#2] dopo  
Utente 236XXX

Iscritto dal 2012
La ringrazio per la risposta, però come ho specificato sopra, proprio recentemente ho effettuato la seconda ecografia che non ha evidenziato nulla di diverso rispetto alla prima. Infatti lo specialista ha addirittura consigliato un farmaco (Levitra 20 mg mezza pasticca) per facilitare la circolazione sanguigna. Non sono però convinto di assumere tale farmaco, perchè temo una qualche dipendenza.
[#3] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettore,

in presenza di una induratio penis plastica possono subentrare problematiche di tipo erettivo ma solo il suo andrologo, che ha visto il suo particolare problema clinico in diretta, può decidere la strategia terapeutica da adottare e, se le ha consigliato il farmaco indicato, segua la sua indicazione ; se ci sono dubbi invece è bene sentire eventualmente una terza campana.

Cordiali saluti.
[#4] dopo  
Prof. Giovanni Maria Colpi
28% attività
0% attualità
16% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2011
gentile lettore,

concordo col Dott Beretta.
l'impiego di farmaci pro-erettivi non determina dipendenza fisisa nè psicologica e le evidenze in letteratura anche per motivi diversi dall'erezione è ormai ben consolidata.

ci aggiorni comunque.

cordialità
[#5] dopo  
Utente 236XXX

Iscritto dal 2012
Grazie vi terrò informati.