Utente 830XXX
Salve, ho 65 anni e da marzo dello scorso anno ho cominciato a rilevare una curvatura verso l'alto (e a sinistra) del pene. Sono stato da un andrologo che mi ha praticato iniezioni di verapamil (due cicli da 7) e mi ha ordinato l'assunzione di vitamina E. A tutt'oggi la situazione è peggiorata (anche se il dolore è diminuito) .
La mia domanda è la seguente: potrei avere qialche giovamento dall'utilizzo dell'andropenis (un estensore penieno visto in internet)? Ci possono essere dei rischi?
Grazie mille per la cortesia. Cordiali saluti

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Prof. Giovanni Maria Colpi
28% attività
0% attualità
16% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2011
gentile lettore,

l'applicazione di estensori del pene può essere indicata in mani esperte non prima di aver valutato se la malattia è ancora instabile o stabilizzata.

ritengo che l'applicazione dopo aopportuna istruzione possa essere valida ma solo dopo aver ben ponderato i rischi con i benefici. consideri che la malattia spesso può recidivare...come pure guarire spontaneamentee.

ne parli con il suo andrologo di riferimento.

cordialità e ci aggiorni
[#2] dopo  
Utente 830XXX

Iscritto dal 2005
gentilissimo prof. Colpi , grazie per la sua rapida risposta. Se ho ben capito, ci potrebbero essere dei rischi nell'applicazine dell'estensore. Ma di che natura?
grazie
[#3] dopo  
Prof. Giovanni Maria Colpi
28% attività
0% attualità
16% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2011
gentile lettore,

l'applicazione incongrua può dipendere dalla formazioni di lesioni tipo vescicole, ulcere, disturbi di sensibilità o di circolazione che devono subito essere inquadrati e gestiti dal medico.

ciò di conseguenza giustifica la osservazione su guida medica.

cordialità
[#4] dopo  
Utente 830XXX

Iscritto dal 2005
grazie mille professore, ora mi è più chiaro.