Utente 205XXX
Gentili medici,
ho una molocclusione di terza classe, riscontrata fin da piccola dal mio odontoiatra. Dall'età di 7 anni ho cominciato ad alternari vari apparecchi fino ad arrivare alla "maschera" con i vari elastici a 15 anni per un anno e mezzo, seguita da una mentoniera da mantenimento. Finito il trattamento quindi a 16 anni e mezzo ho riscontrato un buon risultato che però nel tempo è andato peggiorando. Se prima l'arcata superiore più o meno coincideva con quella inferiore, ora l'arcata inferiore si è spostata molto in avanti purtroppo. Adesso ho 20 anni e mi chiedevo se ci fossero altri metodi per migliorare la mia situazione, poichè vorrei escludere l'ipotesi dell'operazione se possibile. grazie in anticipo della risposta

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Marco Finotti
44% attività
8% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
purtroppo la crescita scheletrica continua sino a 20-21 aa come lei ha notato e se la terza classe non è più compensata e quindi l'arcata inferiore risulta esterna alla superiore la strada ortodontico-chirurgica è l'unica seria percorribile onde evitare gravi problemi articolari a livello dell'atm e parodontali inclinando in modo innaturale l'asse dentario in eccesso
si affidi ad un bravo ortodonzista che studiato il suo caso le dirà i vantaggi e svantaggi nel fare e non fare il trattamento
cordiali saluti
[#2] dopo  
Dr. Filippo Martone
28% attività
0% attualità
16% socialità
MINERBIO (BO)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2008
Patisce un disagio estetico, o ha difficoltà di masticazione? Patisce mal di testa o mal di collo con frequenza?
[#3] dopo  
Dr. Giuseppe Oscar Muraca
40% attività
16% attualità
20% socialità
AMANTEA (CS)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Alla sua età purtroppo bisogna ricorrere, per risolvere la discrepanza ossea, alla chirurgia.
Cordialmente
[#4] dopo  
Utente 205XXX

Iscritto dal 2011
gentili medici,
il mio disagio devo dire che è più estetico che altro. Non noto molte difficoltà nella masticazione, ma ho paura che con il tempo sorgeranno altri problemi anche perchè sto notando un aumento di mal di testa (non so se questo fattore sia da ricondurre esclusivamente alla terza classe). Ne approfitto per farvi qualche domanda sull'intervento (anche se è difficile con i pochi dati che vi ho fornito), ovvero quanto dura il trattamento ortodontico pre operatorio e se si agisce solo sulla mandibola o anche sulla mascella. Se è l'unica opzione che ci sia per risolvere la situazione sono pronta sicuramente a prenderla in considerazione, anche se rimane dell'amaro in bocca per i tanti anni spesi in vari apparecchi, forse sempre scelti in maniera molto soft. Grazie mille per le risposte
[#5] dopo  
Dr. Stefano Princivalle
24% attività
4% attualità
12% socialità
ROVIGO (RO)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2008
Suggerisco valutazione chirurgico-ortodontica per avere risultati certi,durevoli,privi di "recidive" e con vantaggi sia funzionali che estetici.
cordialita'.
[#6] dopo  
Dr.ssa Laura Anna Melone
24% attività
0% attualità
12% socialità
ALPIGNANO (TO)
Rank MI+ 36
Iscritto dal 2008
Gentile paziente, purtroppo il percorso ortodontico delle terze classi è lungo ed è finalizzato più che altro a mettere nelle condizioni il chirurgo di poter lavorare meglio in condizioni scheletriche accettabili. Se vi è un buon controllo sull'arcata superiore, ciò non accade su quella inferiore che nel maschio adulto può avere una crescita residua anche fino ai 21 anni in grado di compromettere i risultati con tanta fatica guadagnati.
Le consiglierei una visita dal chirurgo maxillo-facciale onde valutare eventuali benefici di un nuovo trattamento ortodontico-chirurgico.
Saluti
[#7] dopo  
Dr. Marco Finotti
44% attività
8% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
il trattamento ortodontico chirurgico nelle terze classi prevede l'ortodonzia sicuramente ad entrambe le arcate mentre la chirurgia potrebbe essere limitata ad una sola arcata in funzione del difetto ( arcata superiore ) o dell'eccesso ( arcata inferiore ) di crescita
cordiali saluti
[#8] dopo  
Dr. Filippo Martone
28% attività
0% attualità
16% socialità
MINERBIO (BO)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2008
Provi ad analizzare, per risolvere il problema estetico, che pare essere quel che la perplime maggiormente, la soluzione lumineers. Vi sono medici autorizzati la cui lista si trova in internet. Potrebbe avere una favorevole sorpresa.

Cordialità
[#9] dopo  
Dr. Dario Spinelli
36% attività
16% attualità
16% socialità
SANTERAMO IN COLLE (BA)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
L'unica soluzione è quella ortodontico-chirurgica se il problema estetico legato ad una terza classe scheletrica che lei lamenta è quello del profilo del viso e del deficit che normalmente si osserva nella zona degli zigomi, oltre ovviamente alla sporgenza relativa del ment . Si rivolga ad un ortodontista che possa spiegarle adeguatamente modalità di intervento e risultati estetici.
Viceversa, se il suo problema estetico è solo dentale legato all'inversione del morso è possibile che si possa anche intraprendere una via solo ortodontica per camuffare la situazione scheletrica. Devono essere però chiari i limiti di tale tecnica a livello dell'estetica del viso.
Altre modalità di intervento sui denti (faccette, protesi o altro) non darebbero da sole nessun beneficio