Utente 238XXX
Buongiorno, sono un ragazzo di 18 anni,sono insulino-dipendente da quando ho 8 anni, ho sempre seguita una dieta corretta e fatto una buona attività fisica costante. Ho avuto una glicata media in questi anni attorno al 7%, l'ultima di un mese fa è stata 6,8. Non ho avuto complicanze legate al diabete. Detto ciò passiamo alla domanda vera e propria. Da un anno ho smesso di giocare a calcio per dedicarmi alla palestra. Non sono però riuscito a prendere nessun chilo. Volevo quindi chiedervi che dieta seguire e se possibile prendere degli integratori come proteine o amminoacidi,nonostante io abbia il diabete che sollecita già i reni a lavorare più del dovuto. Di solito io mangio: per colazione un bicchiere di latte con 8 biscotti, a pranzo un piatto di pasta abbondante, alle 4 merenda con due panini con prosciutto e formaggio e la sera carne con patate/riso/minestra. La carne la mangio 3/4 volte a settimana massimo. Mi alleno inoltre 4/5 volte a settimana. Anche qui avrei una domanda, quanto mi conviene allenarmi per far crescere effettivamente il muscolo?

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Serafino Pietro Marcolongo
56% attività
16% attualità
20% socialità
SALERNO (SA)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2009
Prenota una visita specialistica
Gent. utente,
chi pratica sport conosce bene l'importanza di mantenere le buone regole di un giusto regime alimentare; sa che la dieta nella pratica sportiva è utile spesso quanto un buon allenamento.Come il carburante per la macchina da corsa, essa rifornisce l'atleta di tutta l'energia per fronteggiare straordinari dispendi energetici.
Una buona dieta garantisce i nutrienti ad un organismo che, costretto ad un super-lavoro, tenderebbe altrimenti a consumare tutte le sue naturali scorte, con il conseguente rischio di pericolosi stati carenziali.
Una buona dieta è quindi essenziale allo sportivo, soprattutto se affetto da diabete.
Per questo è necessario, nel Suo caso, evitare il "fai da te" o ricercare on-line una dieta adattabile (tra l'altro per le nostre Linee Guida questo non è consentito) e consultare sempre il proprio Centro diabetologico di riferimento che, opportunamente e con l'aiuto del nutrizionista, potrà impostare un piano alimentare personalizzato per le Sue esigenze...senza mai perdere di vista gli ottimi risultati conseguiti nel tempo per controllare la patologia diabetica.
Cordiali saluti.