Utente 241XXX
Buongiorno Dottori,
ho visto il sito e avrei delle domande da farVi:
ho 31anni sono impiegato in un'azienda, svolgo molto sport ( calcio e palestra) cerco di mantenermi in forma il più possibile e cerco di avere un'alimentazione più idonea possibile.
Nel febbraio del 2010 ho avuto un'intervento al varicocele sx di 3°grado; non ho mai avuto ne prima ne dopo problemi di disfunzione erettile. In questi anni inoltre per precauzione alla caduta di capelli ho usato per un anno e mezzo circa il farmaco Propecia. Ho interrotto l'uso dello stesso per un 5 mesi circa per poi riprendere l'uso un paio di mesi fa.
Circa 15gg fa però ho avuto dei problemi col mio pene. Ho una compagna da più di un anno e con lei non ho mai avuto problemi di erezione, anzi soffrivo ( da sempre ) leggermente di eiaculazione precoce.....come Le dicevo da circa 15gg però il mio pene non ha più l'erezione completa che aveva fino ad un mese fa e anzi sembra più addormentato, quando mi eccito, sia con lei che con la auto-masturbazione, l'erezione è parziale. Ripeto fino ad un mese fa invece bastava sfiorarlo e veniva su !!
La mia ragazza è molto bella e non dipende dal fatto che non la amo o che non mi attrae più....a volte quando iniziamo ho un piccola ( ma non completa ) erezione, ma poi resta o parziale o addirittura svanisce diventa flacido e non ne vuol più sapere ......
Le ho descritto tutto questo per spiegarLe tutta la situazione completa in modo che mi possa aiutare, perchè come credo possa capire la situazione a volte è imbarazzante e complessa.
La mia ragazza non mi mette pressioni, ma son quanto importante possa essere sia per me che per lei il sesso nel nostro rapporto.
Il mio medico di base mi ha consigliato di provare ad usare il Viagra, ma mi chiedo, il Viagra può essere un modo per risolvere il mio problema? Come mai è successo questo tipo di inconveniente? Se dovesse funzionare col Viagra, poi ne sarei dipendente?
Aspetto un Vostra risposta di aiuto, spero di essere stato esaustivo nel spiegarVila situazione

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile lettore ,

visto la descrizione della sua particolare situazione clinica, ha fatto bene a non assumere, a prescindere, il farmaco consigliatole un pò con troppo furia.

Prima di pensare ad una terapia, è sempre bene arrivare, quando possibile, ad una precisa e corretta diagnosi.

Per questo motivo le consiglio ora di sentire in diretta un esperto andrologo e con lui valutare per bene le possibili cause del suo problema sessuale.

Nel frattempo, se desidera poi avere più informazioni dettagliate su queste tematiche, le consiglio di consultare, se non ancora fatto, anche gl’articoli pubblicati sul nostro sito e visibili agl'indirizzi:

http://www.medicitalia.it/minforma/andrologia/184-erezione-fare.html ,

http://www.medicitalia.it/minforma/andrologia/1234-nuove-terapie-emergenti-trattamento-disfunzione-erettile-de.html .

Un cordiale saluto.


[#2] dopo  
Utente 241XXX

Iscritto dal 2012
La ringrazio per la risposta.
Quindi Lei non mi consiglierebbe l'uso del Viagra?
come mai questo problema si è manifestato 15gg fa?
il Viagra aiuterebbe anche in futuro o so dovrebbe continuare a prenderlo?
E' davvero questa la soluzione del problema?

son domande che mi faccio e a quale non so rispondere e chiedo gentilmente a VOi..
[#3] dopo  
Utente 241XXX

Iscritto dal 2012
La ringrazio per la risposta.
Quindi Lei non mi consiglierebbe l'uso del Viagra?
come mai questo problema si è manifestato 15gg fa?
il Viagra aiuterebbe anche in futuro o so dovrebbe continuare a prenderlo?
E' davvero questa la soluzione del problema?

son domande che mi faccio e a quale non so rispondere e chiedo gentilmente a VOi..
[#4] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettore,

sono domande che lei non si deve fare perché a queste, al momento, non si possono avere risposte.

Sarà il suo andrologo che, valutata attentamente la sua particolare situazione clinica e fatta una precisa diagnosi, potrà poi indicarle delle precise risposte terapeutiche.

Cordiali saluti.