Utente 182XXX
INn linea di massima cosa bisogna fare se ci sono delle vene ostruite?L'intervento per riaprirle è rischioso?

Attendo al più presto un Vs risposta.

Grazie e saluti

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
La domanda e' talmente vaga che e' difficile risponderle: sta parlando di arterie forse? e quali arterire (coronariche, cerebro afferenti, degli arti inferiori...)
Forse se si spiegasse meglio potremmo esserle piu' utili
arrivederci
cecchini
www.cecchinicuore.org
[#2] dopo  


dal 2012
Si ha ragione.Mi scusi.Arterie coronariche
[#3] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Ci sono alcune lesini coronariche che possono essere trattate con l angioplastica, la cosiddetta tecnica del palloncino. Talora invece le lesioni sono così diffuse che è necessario l intervento chirurgico tradizionale di by pass aorto coronarico.
Entrambe le tecniche hanno pochi rischi se la funzione di pompa del cuore è conservata, se non sono presenti altre patologie concomitanti, come il diabete, l ipertensione etc.
La percentuale d rischio varia quindi da paziente a paziente.
Cordialità
Cecchini
www.cecchinicuore.org
[#4] dopo  


dal 2012
No mio padre non ha diabete.Ha il colesterolo alto e per questo sta prendendo delle medicine per tenerlo sotto controllo.Ha un'insufficenza aortica.Questo può cambiare qualcosa?
[#5] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Dipende dalla gravita Dell insufficienza aortica. Se è in fase operatoria e a seconda delle condizioni coronariche può essere indicato il bypass, ma comprende che dei lei dice le cose una alla volta non si possono esprimere pareri. Dipenda in sostanza Dell entità delle stenosi coronariche e dall entità della insufficienza aortica.
Arrivederci
Cecchini
www.cecchinicuore.org