Utente 357XXX
Buonasera, premetto che sono un giovane medico. Vi scrivo perchè ho un caso in famiglia che mi desta particolari dubbi diagnostici.

Pz di 56 anni Uomo. Presenta livella di amilasemia alti e lipasemia ai limiti max della norma. Questo nel 2009. Bilirubina, Glicemia e altri indici tutti nella norma. Ecografia vie biliari e pancres nella norma. Gli stessi esami vengo effettuati nuovamente a distanza di un mese presso altro laboratorio e tutto sembra tornato nella norma.

Oggi 2012 l'amilasemia (tenutasi nella norma fino a data odierna) risulta nuovamente alta, la lipasemia ai limiti superiori. In più si presenta con glicemia a digiuno del mattino 124 mg/dl.
Assenza di sintomatologia che possa far pensare a pancreatite e assenza di anamnestico positivo per assunzione di alcool o pregressa patologie bilio/pancreatica.
dato importante AMILASURIA: nella norma.
Questo ultimo dato mi ha fatto pensare alla Macroamilasemia Benigna o forme descritte da Di Gullo. Anche se questa entità nosologica rappresenta una diagnosi di esclusione.
Sarebbe il caso di fare un tac pancreas per "tagliare la testa al toro"? é indicata in paziente in questa fase clinica? Grazie spero in una vostra risposta.
[#1] dopo  
Prof. Mauro Granata
28% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2005
Egregio collega condivido i tuoi dubbi ma considerando il fatto che l'enzima in questione è prodotto da vari organi e il suo aumento può dipendere da svariate cause allargherei la visuale non solo con l'esame TC addominale da te proposto ma anche con l'esecuzione di altri esami quali per esempio una radiografia del torace, una ecografia delle ghiandole salivari, autoanticorpi come gli anti muscolo liscio e gli anti mitocondrio e la ricerca del sangue occulto nelle feci. Anche i valori della glicemia andrebbero ricontrollati ed eventualmente approfonditi. Ciao e a presto.
[#2] dopo  
Utente 357XXX

Iscritto dal 2007
Gentilissimo dott Granata,
la ringrazio per la sua risposta. I suoi sospetti clinici si orientano quindi su una eventuale MICI, un danno a livello della Parotide, o una lesione polmonare di tipo paraneoplastico (o cosa?)? è corretto? Sono ipotesi validissime anche se per la diagnosi differenziale con patologie parotidee avevo richiesto la isoamilasi pancreatica che era, in effetti, l'unica elevata.
Il mio dubbio era: è giuso eseguire una TC addome a questo punto oppure non ce ne sono le più strette indicazioni (considerando il rischio radiazioni) e bisognerebbe prima fare altre indagini?
Grazie ancora.
[#3] dopo  
Prof. Mauro Granata
28% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2005
Escluderei allora la ecografia delle ghiandole salivari e procederei con il resto (compresa la TC addome) ricorrendo magari anche al parere di un gastroenterologo della tua città. Un caro saluto.
[#4] dopo  
Utente 357XXX

Iscritto dal 2007
Grazie mille dott Granata!
un ultimo dubbio cosa sospettava a livello polmonare?
Che urgenza ha la tac addome (considerando l'assenza di sintomatologia, elemento naturalmente non dirimente)?

Una eventuale MICI non dovrebbe presentare alcuni reperti caratteristici ( riduzione HB, dolore e tenesmo addominale, irregolarità dell'alvo, dimagrimento? )
Grazie.

[#5] dopo  
Prof. Mauro Granata
28% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2005
Chiamami una di queste mattine in ospedale che ragioniamo un po' insieme. Cordialità