Utente 138XXX
Buongiorno dottori,
circa tre settimane fà ho notato delle piccole bollicine sul glande( tipo"bolle d'acqua" ) avvertivo una sensazione di calore,ed era presente un leggerissimo arrossamento all'uscita dell'uretra, niente prurito ne bruciore. Mi sono recato a visita specialistica e il dottore mi ha curato una candida (anche se mi sembrava scettico) con difulcan 150mg in un unica soluzione, canesten pomata 2 volte al giorno per 10 giorni e miha fatto fare degli impacchi con un detergente lenitivo. Ho finito i 10 giorni di cura da un paio di giorni, stamattina il glande si presentava secco, rugoso e la pelle ha difficolta nel muoversi(sempra "appicicatticcia") Le bollicine sono meno evidenti ma ancora presenti (soprattutto durante l'erezione) il rossore dell'uretra è scomparso.
Non sò se è utile, però voglio chiarire che non ho avuto rapporti occasionali (mai nella mia vita), ho una compagna da circa dodici anni, ho rapporti solo con lei anche se in quest'ultimo mese a causa di un forte periodo di stress non abbiamo avuto rapporti e questo ha mi portato ad avere delle masturbazioni eccessive.
Il mio dubbio è che il dermatologo che mi ha visitato abbia sbagliato la diagnosi e che il canesten abbia causato la secchezza del glande.
cosa mi consigliate? devo tornarci?
Il tutto può essere legato alla presenza di un lichen planus presente sul glande e che dopo la cura di canesten è molto diminuito?
Spero di aver esposto il problema con chiarezza.
Grazie

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Luigi Mocci
40% attività
4% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2005
Salve,
prima di pensare al Lichen planus vanno vagliate altre ipotesi diagnostiche.
Direi che, in questa ottica, è necessaria unna visita dermatologica, a costo di cambiare dermatologo


Saluti
[#2] dopo  
Dr. Luigi Laino
56% attività
16% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2005
In complementarietà delle giuste osservazioni del dr. Mocci, aggiungo che non e' il lichen planus a causare solitamente secchezza, ma il lichen sclerosus ( www.lichenslceroatrofico.it o www.medicitalia.it per approfondimenti).

Tutto questo solo in sede del tutto teorica e non potenzialmente riferibile al suo caso che deve essere chiarito in sede dermatologica venereologica.

Saluti a lei