Utente 247XXX
Buonasera.
Premessa:
Sono uomo 44 anni. Operato nel 2003 per rottura corpi cavernosi con protesi peniena semirigida SSDA e graf safenici.
Attuale difficoltà ad ottenere erezione utile a penetrazione, e comunque di scarsa durata probabilmente perchè assumo scioglisangue.
Dal 2008 paziente iper-omocisteinico, TVP, aneurisma popliteo trombizzato (ischemia piede) risolto con bypass vena autologa invertita.
Tutt'ora assuntore di Coumadin, folina, vasodilatatori arteriosi periferici (pletal). INR tra 2,5 e 3 per prevenire otturazione by-pass.
Mai avuto problemi cardiaci.
Domanda:
premesso il mio attuale stato medico, prima di giungere ad ulteriore intervento con installazione protesi tricomponente è possibile assumere Cialis o Viagra per verificare eventuali giovamenti ed evitare ulteriore intervento chirurgico?
Ringrazio anticipatamente per la risposta.
Cordiali saluti.


Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro Utente,l'andrologo di riferimento saprà porre una prognosi corretta che,a naso,senza poter visitare,ritengo sia sfavorevole nei confronti di una sufficiente risposta ai farmaci proerettili citati.L'impianto proteisco,nonché le complicazioni successive,rendono il quadro clinico ancora più complesso per cui Le consiglio di far riferimento ad uno specialista reale e non virtuale.Cordialità.