Utente 575XXX
ho 56 anni ho subìto un intervento per aneurisma dissecante aorta ascendente nel 1992 pochi giorni dopo l'operazione mi è stato impiantato un pacemaker.Sono ormai 16 anni e vorrei sapere quanto ancora può durare.Mille grazie per la risposta che mi darete e complimenti. buongiorno a tutti

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giuseppe Finzi
28% attività
0% attualità
12% socialità
PARMA (PR)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2008
Mi scusi: ma ha effettuato regolarmente controlli, cambi pila etc.?
[#2] dopo  
Dr. Elpidio Pezzella
20% attività
0% attualità
0% socialità
CASTEL VOLTURNO (CE)
Rank MI+ 20
Iscritto dal 2008
La durata del Pace Maker è molto variabile, e dipende soprattutto da quante volte stimola il cuore, nel senso: è come un giocattolo a batterie, più lo uso e più in fretta si consuma. E' necessario eseguire controlli periodici, telemetrici, della funzionalità del device. In pratica ci sarà un cardiologo che si occupa di alettrofisiologia dotato di una specie di PC che collegato al suo pace maker (tramite una sorta di grossa calamita appoggiata sopra) interroga l'apparecchio ed in pochi minuti avrà una serie di misurazioni, tra le quali la durata della batteria e l'impedenza degli elettrocateteri.
Spero di essere stato chiaro.
A disposizione per qualunque altro chirimento
[#3] dopo  
Prof. Gianluca Serafini
20% attività
0% attualità
0% socialità
NETTUNO (RM)
Rank MI+ 20
Iscritto dal 2007
Come le ha già illustrato il collega Dr. Pezzella la durata è molto variabile e dipende fondamentamente da due fattori: quanto spesso il PM deve stimolare il cuore e l' energia che è richiesta per stimolarlo. In condizioni medie un PM dura dai 4 ai 6 anni. Il fatto che il suo sia durato per molto più tempo è verosimilmente legato al fatto che entra in funzione solo in determinate (e sporadiche, vista la durata)occasioni, rimanendo praticamente sempre in stand- by. Le faccio queste considerazioni partendo dall' assunto che lei abbia regolarmente controllato il funzionamento del PM (non solo attraverso l' ECG che non può vedere se il PM è ancora carico) e che lei (come suppongo) non sia Pace maker dipendente. Se così fosse infatti il suo PM sarebbe sempre in funzione e si sarebbe sicuramente già scaricato. Se, come presumo, lei non è PM dipendente e non ha mai (o quanto meno non recentemente) fatto un controllo elettronico sono possibili due ipotesi: o il suo PM non ha praticamente mai funzionato, rimanendo quasi sempre in stand by, e conservando così la carica o ormai ha esaurito la carica ma, non essendo lei PM dipendente, non ha avvertito la scomparsa della sua funzionalità.
Per quanto riguarda la previsione di durata questa può essere fatta solo sottoponendosi ad un controllo elettronico del PM che, un pò come avviene con il check up delle auto, dà precise informazioni sulla carica residua della batteria e, eventualmente, sulla durata prevista.
[#4] dopo  
Dr. Stefano Bruni
20% attività
0% attualità
0% socialità
PARMA (PR)
Rank MI+ 20
Iscritto dal 2004
Concordo con i colleghi.
La durata del pace-maker è legata al suo utilizzo.

Stefano Bruni
[#5] dopo  
Utente 575XXX

Iscritto dal 2008
mi era stato detto che la durata massima è di 10 anni e poi avrei dovuto cambiarlo comunque meglio così. grazie per la vostra disponibilità