Utente 233XXX
Ogni giorno devo comunicare telefonicamente ai pazienti i valori dell'attività di protrombina, da noi si calcola anche l'INR. Premetto che non sono un medico, un biologo o un infermiere, ma un'amministrativo. Credo che il servizio offerto all'utenza sia buono, si evitano fastidiosi spostamenti od attese per il referto in una zona disagiata. Purtroppo la maggior parte degli utenti sono anziani ed hanno problemi nel capire i valori sia di AP che di INR, spesso veniamo accusati di dare valori sbagliati, spesso la presenza di decimali è difficile da comprendere, insomma ci sono tante difficoltà. Io vorrei sapere qual è la controindicazione se al paziente viene dato solo il valore INR; mi scuso se il mio problema è diverso, non so se è la sede giusta per chiedere consiglio, ma il comunicare questi valori è, per me, molto faticoso. Vi ringrazio da adesso.
[#1] dopo  
Dr. Lucio Piscitelli
52% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2000
Prenota una visita specialistica
Sinceramente credo che il sistema la Lei descritto sia scorretto e fortemente imprudente:

Il compito di comunicare dati sanitari dovrebbe essere limitato esclusivamente a personale sanitario.

La possibilità di un errore di comunicazione è ampiamente possibile (anzi, come da Lei stessa affermato, già si verifica !) e, per la criticità dell'esame su cui si basa il dosaggio di farmaci anticoagulanti, rappresenta una condizione potenzialmente molto pericolosa; oltretutto in caso di contenzioso non vi sarebbe prova scritta di quanto comunicato e di quanto ricevuto.

La comunicazione telefonica avviene senza che sia possibile accertare l'identità dell'interlocutore, cosa ovviamente lesiva di ogni principio di privacy.

Mi viene in mente di suggerire l'utilizzo di fax oppure (ma sinceramente non so se è legale) di SMS. La comunicazione potrebbe infine essere inviata direttamente al Medico di base, cui per altro spetta il compito e la responsabilità di monitorare la terapia anticoagulante.
[#2] dopo  
Utente 233XXX

Iscritto dal 2006
La ringrazio, dottor Piscitelli, per la cortese risposta. Preciso che la privacy è tutelata da un complesso insieme di codici strettamente personali assegnati a ciascun paziente. Cercherò una soluzione! Buonasera.