Utente 139XXX
buona sera a tutti,
vi chiedo di chiarire i miei dubbi circa la situazione che sto vivendo da circa un mese legata ad una sospetta prostatite
ho 29 anni e circa un mese fa ho cominciato ad avvertire alcuni disturbi e nello specifico:
- accentuato bisogno di urinare, anche a distanza ravvicinata tra una minzione e l'altra
- fitte in corrispondenza dell'ano e della punta del glande
- bruciore/prurito lungo l'uretra anche lontano dalla minzione.
- senso di vescica piena
mi sono recato dal mio medico di famiglia il quale dopo aver ascoltato i sintomi mi ha prescritto un esame delle urine completo - antibiogramma , il tutto con risultati negativi. dal primo giorno il mio medico mi ha prescritto fluvoxacin 500mg 1 cpr/die x 30 gg. per sospetta prostatite.
sono al 20 giorno di terapia e i sintomi si sono leggermente attenuati ma non scomparsi del tutto e la cosa mi sta creando molta ansia.
inoltre ho notato un brusco calo della libido, ormai quasi assente, e scarsa qualità/durata delle mie erezioni.
premetto di essere un soggetto fortemente ansioso e questo permanere dei sintomi mi sta creando una sorta di depressione influendo molto sulla qualità della mia vita.
purtroppo non riesco a distogliere l'idea dalla possibilità di una patologia grave a carico della vescica/prostata.
vi ringrazio anticipatamente per la disponibilità e vi auguro buona serata

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile lettore,

è stata fatta una attenta valutazione clinica urologica ed andrologica del suo problema?

Ancora: la diagnosi di prostatite è suffragata anche da una valutazione ecografica completa delle vie uro-seminali (prostata compresa)?

Cordiali saluti.
[#2] dopo  
Utente 139XXX

Iscritto dal 2009
no, l'unico esame diagnostico che ho eseguito è stato un esame urine completo con urinocoltura per escludere una cistite.
la diagnosi è stata fatta sulla base dei sintomi da me riportati.
oggi ho rivisto io mio medico per riferire sull'andamento della sintomatologia e mi ha detto che tra 10 gg ovvero alla fine della terapia antibiotica, qualora il problema non fosse risolto farò una ecografia.

Le chiedo se la sintomatologia che riporto è compatibile con la prostatite, atteso che i sintomi si limitano ad essere dei fastidi più che veri e propri dolori.

[#3] dopo  
Utente 139XXX

Iscritto dal 2009
volevo aggiungere che in concomitanza con l'accentuarsi dei sintomi urinari, mi si accentua anche il fastidio alle emorroidi, delle quali soffro in forma interna e che durante l'evacuazione fuoriescono rientrando in sede da sole.
[#4] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettore ,

la sintomatologia che caratterizza una prostatite è spesso complessa, aspecifica e a volte modesta.

Se comunque desidera avere altre notizie più dettagliate su tali problematiche urologiche ed andrologiche a livello della ghiandola prostatica, le consiglio di consultare, se non ancora fatto, anche gl’articoli pubblicati sempre sul nostro sito e visibili agl'indirizzi:

http://www.medicitalia.it/minforma/urologia/200-malattie-prostata-stili-vita-prevenzione-nuove-indagini.html,

http://www.medicitalia.it/salute/prostata .

Un cordiale saluto.
[#5] dopo  
Utente 139XXX

Iscritto dal 2009
gentili dottori,
vorrei chiedere un parere rispetto all'evolversi della mia situazione legata ad una (sospetta)proststite in corso.
dal sorgere dei primi sintomi urinari, circa un mese e mezzo fa, ho effettuato terapia antibiotica con levoxacin 500 mg una cpr al dì.
dopo l'interruzione della terapia, durante la quale i sintomi si sono notevolmente attenuati, direi quasi scomparsi, la sintomatologia è ritornata a distanza di 10 giorni.
da ieri ho cominciato ad avvertire un senso di calore/bruciore nella zona perineale e aumentata necessità della minzione.
stamattina mi sono risvegliato e all'atto della minzione ho avvertito un bruciore/dolore fortissimo, nonchè un senso di vescica piena. inoltre mi è venuta anche una leggera febbre, mai superiore a 37,2°.
il mio curante mi ha prescritto altre due scatole di levoxacin + oki, nell'attesa di rieffettuare urinocoltura lunedì.
E' possibile che la prostatite non abbia avuto risoluzione dopo 30 gg di antibiotici?
grazie in anticipo per le vostre risposte
[#6] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettore,

quello da lei descritto è un quadro clinico non infrequente, bisogna avere pazienza e sempre seguire attentamente tutte le indicazioni che il suo andrologo od urologo le darà.

Cordiali saluti.