Utente 246XXX
Buongiorno,
Sono una ragazza di 28 anni, soffro molto di allergie sia alimentari sia alla polvere e pollini. Curo queste allergie con un antistaminico tutte le mattine, due puff di foster e una pastiglia per l'asma tutte le sere.
Dopo tanti test e visite allergologiche mi è stato prescritto un nuovo test microarray dal quale sono risultata allergica a parecchie cose:
acaro della polvere 4.8
gamberetti 3.4
cipresso 3.6
scarafaggio 3.6
ma quello che mi spaventa di più è ANISAKIS mai sentito nominare 3.4!! cosa vuol dire questa allergia??
vi ringrazio molto

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
156628

Cancellato nel 2015
Gentile utente,
il test su microarray è verosimilmente ISAC; noterà che si riferisce a proteine ben definite piuttosto che a fonti allergeniche.
Ritengo che potrebbe esserLe molto utile la lettura del Minforma http://www.medicitalia.it/minforma/allergologia-e-immunologia/1150-allergologia-molecolare-relativamente-nuovo-approccio-allergia.html
Acari, gamberetti, scarafaggi, Anisakis annoverano tra i propri allergeni una proteina chiamata tropomiosina. Si potrebbe interpretare il risultato da Lei indicato come una sensibilizzazione a questa proteina (si tratterebbe quindi di un co-riconoscrimento delle varie tropomiosine). Lei ha la possibilità di vedere sul referto del test se la sensibilizzazione riguarda proprio queste proteine.
È teoricamente possibile che anche Anisakis (parassita del pesce) fosse implicato (così come, magari, i crostacei) in alcuni episodi di allergia alimentare. Ne discuta con il Suo allergologo.
Saluti,
[#2] dopo  
Utente 246XXX

Iscritto dal 2012
Grazie mille per la risposta.
Esatto il test è ISAC. Ho controllato il referto effettivamente tutte quelle voci sono sotto la voce Tropomiosine in quella voce risulto all'ergica più precisamente per rAni s 3 ma l'inibitore delle proteasi rAnis s 1 non risulto allergica.
Ne discuterò sicuramente anche con il mio allergologo solo che purtroppo ho l'appuntamento a fine luglio ed ero curiosa o meglio preoccupata per questo risultato.
Ho letto il vostro articolo e l'ho trovato molto utile in effetti ho tutte le allerige incrociate da Lei indicate polvere-crostacei e anche betulla-polline di nocciolo e mele.
Vi ringrazio molto.
Ultima domanda quindi devo evitare pesce crudo carpacci ecc giusto?ma cotto posso?
[#3] dopo  
156628

Cancellato nel 2015
L'indicazione ad evitare certi alimenti o, viceversa, a continuare ad assumerli scaturisce dalla valutazione del rischio nel caso specifico e quindi può darla solo il Suo allergologo.
Saluti,
[#4] dopo  
Utente 246XXX

Iscritto dal 2012
Buonasera,
Volevo avvisarla che ho effettuato la visita allergologica.
Il Dottore per l'allergia all'anisakis mi ha prescritto una cura con il farmaco Vermox da prendere per tre giorni e da ripetere uguale dopo 15gg per uccidere le eventuali uova.
Qualche mese fa ho avuto una pancreatite virale ed avevo effettuato una gastroscopia dove risultò solo una gastrite cronica ma le biopsie effettuate non hanno rivelato nulla di che. Non ho capito una cosa, cioè, se il mio fisico è solo sensibile all'anisakis o se sono entrata a contatto diretto anche se non ho mai avuto sintomi particolari..e la cura di vermox devo farla anche se non ho il verme o sicuramente c'è??mi scusi per tutte queste domande ma sono proprio poco informata al riguardo.
La ringrazio e attendo notizie!!
[#5] dopo  
156628

Cancellato nel 2015
La sola presenza di IgE specifiche per Ani s 3 non indica necessariamente la presenza di un'infestazione in atto (e volendo essere pignoli, in presenza di sensibilizzazione per le altre tropomiosine, neanche che sia effettivamente mai avvenuta anche in passato).
Saluti,
[#6] dopo  
Utente 246XXX

Iscritto dal 2012
Buonasera Dottore,
Volevo chiederle un parere, le mie allergie non migliorano anzi..mi era già successo l'anno scorso mi riempio i piedi e metà gamba di puntini che prudono tantissimo.
Durano un paio d'ore e poi spariscono da soli.
Sto provando ad evitare su consiglio del mio allergologo i conservanti e il lievito, ma noto che se sto in casa non mi succede o comunque molto meno rispetto a se esco a prescindere dalla dieta; presumo quindi sia forse più legato a qualche polline. Possibile che si sfoghi con puntini rossi solo sui piedi e a volte le mani e nessun'altra parte del corpo??
Dagli esami del sangue gli eosinofili risultano sempre alti variano dal 12% fino ad un massimo del 18% (esame che risale a qualche mese fa). Gli esami rivelano anche microcitosi e ipocromia, premetto che da sempre ho problemi di ferro e ferritina bassi.
Gli eosinofili cosi alti possono essere giustificati dalle mie allergie?o sono un segnale di qualcosa di più grave?
L'allergologo mi ha prescritto tantissimi esami per tiroide, mastocitosi ecc e ciò mi ha fatto preoccupare malto.
La ringrazio
[#7] dopo  
156628

Cancellato nel 2015
Gentile utente,
consideri la possibilità che l'eruzione cutanea potrebbe anche non dipendere da fattori allergici. La prescrizione di ulteriori accertamenti fa pensare che il collega stia "indagando" proprio in quella direzione (e ciò non deve essere motivo di preoccupazione).
Eosinofilia si riscontra effettivamente in una certa percentuale di soggetti allergici; ma deve essere il Suo allergologo a confermare che questo genere di relazione valga anche nel Suo caso specifico.
Saluti,