Utente 111XXX
Gentile dottore,

è oramai da quasi un paio di settimane che avverto strane tachicardie e tremori.

Mi sono recata al pronto soccorso domenica mattina e anche domenica notte perchè avevo una tachicardia con 110 battiti e tremore fortissimo al petto e in tutto il corpo soprattutto da sdraiata. Mi hanno fatto elettrocardiogramma e somministrato beta bloccanti e dal momento che assumo eutirox perchè non ho più la tiroide la loro diagnosi è stata di "TACHICARDIA SINUSALE IN VEROSIMILE IPERTIROIDISMO IATROGENO", anche senza dosaggio ormonale.

Ho effettuato gli esami del sangue il giorno dopo e gli esiti sono i seguenti:
TSH 0.03 (VALORI 0.35 - 5.50)
T4 13.54(VALORI 7.60 - 17.90)
T3 2.93(VALORI 2.00 - 4.30)

L'endocrinologo mi ha detto che non è un sovradosaggio ma visti i sintomi mi ha ridotto la dose da 3 gg e mi ha consigliato di prendere Inderal 40 betabloccante mezza pastiglia la mattina e mezza la sera controllando i valori pressori.

Ieri non l'ho assunto perchè la pressione è bassa 100 la massima e 68 la minima e neanche oggi però quando mi sdraio e tento di dormire il cuore batte più forte non necessariamente più veloce (battiti misurati durante il malessere e dopo e sono più o meno i medesimi vanno dai 73 agli 88) e poi ho un senso di peso sul petto quasi strizzato nella parte alta vicino al collo che va e che viene a seconda di quanto riesco a rilassarmi.

Non so cosa pensare, recentemente ho fatto ecocardiogramma, ecg sotto sforzo e gli esiti erano sempre negativi.

Cosa può essere? Ansia? Possibile che non dà tregua?

grazie

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
La levo-tiroxina ha effetti diretti sul cuore e su tutto l'organismo: aumenta quindi la frequenza, l'irritabilita', i tremori, etc, anche se gli ormoni tiroidei sono normali come nel suo caso (ma con TSH pressoche' soppresso).
La terapia ideale , e priva di effetti collaterali e' appunto il propanololo (Inderal) come dsta assumendo: lo faccia senza timore, anche con bassi valori pressori. Stara' subito meglio
Arrivederci
cecchini
www.cecchinicuore.org
[#2] dopo  
Dr. Mariano Rillo
48% attività
20% attualità
20% socialità
LATINA (LT)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
L'eutirox non è altro che un estratto di ormoni tiroidei che viene prescritto allorquando esiste una disfunzione ghiandolare. Da farmaco che mima l'azione degli ormoni tiroidei, tra i tanti effetti, può determinare anche un incremento ingiustificato dei battiti cardiaci. E' per questo che l'endocrinologo le ha ridotto il dosaggio e l'inderal prescritto, che invece appartiene alla categoria dei betabloccanti, serve per ridurre le frequenze cardiache. Purtroppo l'Inderal determina anche un abbassamento pressorio,ma esistono altri farmaci, come i betabloccanti ad azione centrale e non solo, che possono aiutare a controllare meglio la frequenza senza avere gli effetti indesiderati sulla pressione arteriosa. Consulti per questo anche un cardiologo.
Cordialità
[#3] dopo  
Utente 111XXX

Iscritto dal 2009
Carissimi Dottori,

vi ringrazio immensamente per le risposte però quello che non mi è chiaro è perchè queste palpitazioni ora mi vengono solo da sdraiata!

Ad ogni modo riprenderò l'inderal e secondo voi posso prendere anche della tintura madre di valeriana senza correre il rischio che possa interagire con il farmaco?

un cordiale saluto
[#4] dopo  
Utente 111XXX

Iscritto dal 2009
Gent.mi Dottori,

posso chiedervi se è possibile che si verifichino degli strascichi sulla salute del cuore dopo questo periodo di continua tachicardia. Sono piuttosto preoccupata perchè continuo ad avere dolori al petto probabilmente quando comincia a finire l'effetto del beta bloccante e il cuore arriva a 80 battiti.

Fra due giorni farò l'holter delle 24 ore, è necessario eseguire anche un ecocardiografia?

Grazie ancora
[#5] dopo  
Utente 111XXX

Iscritto dal 2009
Carissimi dottori,

vi riporto gli esiti degli esami che ho eseguito dopo l'episodio di malore:

HOLTER: ritmo sinusale, non aritmie nè pause patologiche, non alterazioni del tratto ST. Alcuni artefatti.

ECOCARDIOGRAFIA: apparati valvolari indenni, non flussi patologici, normali i volumi ventricolari e la funzione sistolica globale e regionale. FE 70%. Normali gli spessori parietali, normale la funzione diastolica, atrio sinistro ed aorta ascendente nella norma, sezioni destre nei limiti, non evidenza di ipertensione polmonare.

Invece prima di questo episodio verso fine maggio mi ero sottoposta ai seguenti controlli per monitorare delle forti extrasistole che si presentavano durante l'acquagym in particolare verso l'inizio dell'attività proprio durante il riscaldamento.

ECG sotto sforzo:

ECG basale durante sforzo e nel recupero non alterazioni del tratto ST7T diagnostiche per RRC buon incremento cronopressorio, alcuni BEV isolati REC 4. Test negativo per RRC al alto carico di lavoro.

Ecografia addome completo a causa di un dolore di stomaco/fegato:

Fegato di dimensioni normali a contorni regolari e struttura omogenea e lievemente streatosico, non lesioni focali, albero portale non dilatato, colecisti distesa, alitiasica. Vene sovraepatiche non assottigliate, asse splenoportale non dilatato. Vie biliari intra ed extraepatiche non dilatate. Pancreas a contorni regolari, struttura omogenea e con dotto di Weirsung non dilatato.
Aorta a decorso regolare, a pareti non ispessite e di calibro normale. Reni di dimensioni normali a contorni regolari con spessore corticale conservato, senza calcoli e senza dilatazione delle vie escretrici.
Vescica distesa a pareti regolari senza calcoli endoluminali o intramurali.
Assenza di espansi patologici in sede annessiale. Assenza di versamento nel cavo di Douglas.

La terapia tiroidea è stata modificata e ad oggi gli esiti sono i seguenti:

T4 9.86
TSH 0.498

Durante la notte avverto ancora soprattutto in fase di addormentamento degli episodi di tachicardia che però passano cambiando posizione e poi mi capitano ancora extrasistole circa 3 al giorno (quelle che avverto). A volte mi sento stanca, a volte avverto capogiri e qualche vampata di calore. Inoltre avverto anche un fastidio al collo nella parte sinistra che scende verso la clavicola. Il braccio sinistro spesso si addormenta di notte.

Cosa posso fare di più? Un ecocolordoppler alle arterie degli arti superiori?

Ho il colesterolo nella media 144 e il glucosio a 83.

Grazie per il vostro prezioso aiuto.
[#6] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Tutti gli esami che lei riporta sono perfettamente normali.
Mi pare che lei abbia una notvole quota ansiosa che potrebbe giovarsi di un trttamento. Ne parli con il suo medico
Arrivederci
cecchini
[#7] dopo  
Utente 111XXX

Iscritto dal 2009
Gent.mo Dottore,

in tutto questo non le ho precisato che sono stata anche da uno psichiatra che non mi ha considerato un caso psichiatrico e mi ha indirizzato verso uno psicologo dicendomi che all'occorrenza avrei potuto prendere delle gocce di Lexotan. Quindi ho fatto due sedute dove non è emersa depressione ma solo ansia che sfocia in sintomi psicosomatici. La dottoressa mi ha congedata dicendomi che non avevo nulla e che le ferie mi avrebbero fatto bene. In realtà ho avuto episodi poco piacevoli anche in vacanza e anche ora che sono tornata, come ad esempio questa notte, sono stata piuttosto male con continua e implacabile tachicardia intorno ai 105 battiti ma anche di più. Dopo 3 ore e mezzo di insonnia ho preso mezza pastiglietta di inderal 40 e ho dormito per 3 ore.

Spero di riuscire a trovare una soluzione a questo mio caso e nel frattempo la ringrazio per il gentile consulto.

Cordialmente



[#8] dopo  
Utente 111XXX

Iscritto dal 2009
Carissimo Dottore,

ho solo un dubbio che mi affligge, come faccio a capire se si tratta di tachicardia oppure di fibrillazione oppure di scarica adrenalinica?
Qual è la differenza dal punto di vista della sintomatologia?
Avevo fatto anche l'holter ma forse essendoci stati alcuni artefatti temo non sia riuscito a ricevere tutti i battiti.

In pratica nel momento in cui comincio a rilassarmi provo una sensazione che mi arriva dal basso (pancia) e subito dopo il cuore comincia a battere velocissimamente. Prima fortissimo per qualche manciata di secondo poi diminuisce anche piuttosto rapidamente. Ho provato a misurare i battiti del polso ma non li avverto bene perchè vibro un pò tutta. Anche la pancia vibra.

Cosa mi consiglia di fare?

Il medico mi ha prescritto anche una gastroscopia.

La ringrazio nuovamente per il consiglio che potrà darmi, in quanto sono seriamente preoccupata.