Utente 255XXX
Salve. Ho 23 anni e il mio consulto riguarda le extrasistoli. Ho cominciato ad avvertirle piu o meno 2 anni fà, all inizio erano poco frequenti e quando mi capitavano ne avvertivo al massimo una decina nell arco della giornata ma il cosiddetto battito doppio era molto forte, come se il cuore stesse per uscire dal petto, con conseguente nodo alla gola e qualche colpo di tosse. Da un anno a questa parte sono sempre piu frequenti e fastidiosi.. Allora tramite ricerche su internet ho pensato di eseguire l esame secondo holter nel mese di marzo. Risultato: Nessun extrasistole o anomalie a parte un battito mancante mentre dormivo. Mi sono tranquillizzato ma dopo un mesetto per la prima volta ho avuto una serie lunghissima di extrasistoli durata per circa 4 ore (una ogni 2/3 secondi) ma questa volta non erano cosi forti come prima per quanto riguarda la potenza delle extrasistoli, stessa identica cosa mi successe dopo altre 3 settimane. In entrambi i casi non stavo facendo nessuno sforzo fisico ne prima ne durante. Ho provato a fare anche gli esami del sangue e della tiroide ma e' tutto ok! L ultima volta mi e' capitato e' stato oggi dopo il primo giorno di palestra appena rientrato a casa e ne avrò avvertite almeno 200 nell arco di 3/4 ore. Adesso per il momento ne ho una ogni tanto. Premesso che non fumo, non bevo ne alcool ne caffè e faccio una vita tranquilla e lavoro come impiegato, non sono nemmeno stressato, forse un po' ansioso ma ho le extrasistoli proprio quando invece magari rido, scherzo e sono spensierato. Il cardiologo mi ha detto di fregarmene che non ho niente e che posso fare sport. le mie domande sono queste: 1) come faccio ad essere sicuro che sono benigne e non maligne se nell holter non si e' potuto verificarne il tipo visto che non ne ho avuta nemmeno una? 2) c'è qualche altro esame che posso fare per vedere se magari dipendono da qualche altro problema? 3) ogni quanto tempo mi si consiglia di rifare l holter? 4) posso continuare a fare palestra fregandomene ? E' giusta l analisi finale del mio cardiologo? La mia paura e' che non si trattano di semplici aritmie ma di segnali di qualcosa di piu grave come per esempio la cardiomiopatia aritimiogena del ventricolo destro che a quanto pare (da quello che ho letto) e' difficile da diagnosticare...Ringrazio anticipatamente chi risponderà ai miei dubbi. Cordiali saluti

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Fabio Fedi
28% attività
16% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2008
Gentile utente, ha eseguito il test da sforzo consigliatoLe dal Dottor Martino pochi giorni fa? Se sì, ci informi circa il risultato, altrimenti è inutile postare la medesima domanda: la risosta sarebbe la stessa.
Cordiali saluti
[#2] dopo  
Utente 255XXX

Iscritto dal 2012
Gentile dottore, ho eseguito il test da sforzo ma il risultato e' stato negativo. Purtroppo sia in questo caso che durante l holter non ho avuto aritmie.. E quindi la risposta che ho e' sempre la stessa : non hai niente. Io pero' le aritmie le avverto spesso e quasi sempre quando sono spensierato e tranquillo come per esempio quando sono sul divano e quando sono spensierato.. Vorrei capire bene da cosa dipendono e se c'è qualche esame piu specifico
[#3] dopo  
Dr. Fabio Fedi
28% attività
16% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2008
Se nessun esame ha evidenziato la presenza di aritmia, ed in special modo nel corso del test da sforzo massimale non c'è stata induzione nè soppressione di extrasistolia, i colleghi hanno ragione: non c'è nulla di cui preoccuparsi. Evidentemente si tratta di cardiopalmo, fastidioso ma privo di qualunque significato patologico. Cerchi di non prestare eccessiva attenzione alla percezione della attività cardiaca e il sintomo dovrebbe sparire nel corso di pochi giorni.
Cordiali saluti
[#4] dopo  
Utente 255XXX

Iscritto dal 2012
Gentile dott. Fedi. La ringrazio per la sua disponibilità ma mi scusi se la disturbo ancora. Mi piacerebbe molto che i sintomi spariscano nel giro di pochi giorni ma in realtà ho ormai queste extrasistoli da circa 2 anni e negli ultimi 5/6 mesi sono molto piu frequenti. La cosa che mi preoccupa e' che in tutte le visite che ho fatto non sono mai venute fuori.. E la mia domanda e' come fa il mio cardiologo a dire con certezza di stare tranquillo perche sono benigne se non ha mai avuto la possibilità di visualizzare il tipo? (sopraventricolari o ventricolari) . Con tutto il rispetto del vostro lavoro ma ho letto che l unico modo per verificare il tipo Dell extrasistole e' vederle "in diretta" e che quelle ventricolari possono essere molto pericolose. Detto ciò vorrei magari provare ad indagare meglio poiché non si puo escludere che siano maligne e pensavo di fare qualche altro esame come per esempio l'ecocolordoppler trans toracico.. Lei cosa ne pensa? Puo' essermi utile? Sicuro di un suo cortese riscontro la ringrazio anticipatamente!
[#5] dopo  
Dr. Fabio Fedi
28% attività
16% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2008
Cominciamo col chiarire che non è affatto vero che TUTTE le extrasistoli ventricolari siano "molto pericolose". Miliardi di persone al mondo hanno decine o anche centinaia di extrasistoli ventricolari ogni giorno, in massima parte non se ne accorgono e non per questo sono affetti da cardiopatie o sono a rischio di morte imminente!
Tornando al Suo caso specifico, gli esami effettuati finora, ed in special modo il test da sforzo hanno escluso sia la presenza sia l'inducibilità di aritmie, ad ulteriore conferma dello stato di buona salute del Suo cuore.
Le consiglio nuovamente di non focalizzare il Suo interesse sulla regolarità dell'attività cardiaca, e in caso di persistenza del fastidio (perchè di fastidio si tratta, e non di malattia) potrebbe trovare giovamento da un supporto psicologico che l'aiuti a superare l'immotivato timore di essere ammalato o a rischio di ammalarsi.
Cordiali saluti