Utente 137XXX
Salve,

Circa a Settembre dello scorso anno, ho subito un intervento ambulatoriale, di asportazione chirurgica di un ascesso derivante da cisti sacro coccigea, con conseguenti medicazioni tramite zaffatura, molto dolorose.
Ora da circa un paio di settimane sulla cicatrice, si è creato un cheloide (a detta del medico di famiglia), poco prima della creazione di questo cheloide, giocando a calcio ho subito un urto violento, nei giorni successivi ho notato, un progressivo rigonfiamento, più somigliante ad una bolla che ad un punticcio, inoltre al centro c'era un piccolo punto rosso sangue, e intorno a questo rigonfiamento la pelle era arrossata, in questi ultimi due giorni la pelle attorno si è schiarita diventanto rosa, e la zona centrale è diventata chiara ma non color pus, più che altro sembra quasi dentro ci sia la classica "acqua" di una bolla.
Preciso che la zona non mi provoca dolore, solo al tatto ma sulla parte centrale dove c'è la bolla intorno è sensibile ma non tanto.
Anche se quando mi sono operato avevo un rigonfiamento interno alla pelle e non una specie di bolla poco sotto pelle come adesso, inoltre sulla "bolla" la pelle è aggrinzita e rugosa, ma è uno strato sottile di pelle perché la "bolla" è "alta" circa un centimetro / un centimetro e mezzo.
Mercoledì ho prenotato una visita da un chirurgo, e in questi giorni non so se "bucare" questa bolla per far uscire il liquido o no, cosa mi consigliate?
Potrebbe essere una recidiva della cisti?
Sono molto preoccupato, spero in una vostra celere risposta.
Grazie anticipatamente.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Roberto Rossi
40% attività
16% attualità
16% socialità
TORINO (TO)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
Effettivamente la descrizione della lesione farebbe pensare ad una recidiva della fistola pilonidale. Ovviamente solo la visita potrà permettere una diagnosi di certezza.
[#2] dopo  
Utente 137XXX

Iscritto dal 2009
La ringrazio della celere risposta.
Poco fa ho provato a bucare con un ago la parte più sporgente, tuttavia è uscito solo un po di "acqua" non pus e un po di sangue.
Quando avevo l'ascesso avevo la febbre a 39 e il suddetto si trovava molto sotto la pelle, provò con una siringa ad estrarlo ma non riuscì ad estrarlo tutto e dovette incidere col bisturi.
Ora le chiedo possibile che questa manifestazione cutanea così diversa da quella precedente, sia una recidiva della cisti, anche se ha un aspetto completamente diverso e con sintomi diversi?
La mia ipotesi (nonché speranza) é che invece sia una "reazione" agli urti ricevuti sulla ferita nel periodo successivo all'asportazione chirurgica dell'ascesso, sarebbe possibile?
Grazie anticipatamente.


[#3] dopo  
Dr. Roberto Rossi
40% attività
16% attualità
16% socialità
TORINO (TO)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2011
Senza visita non è possibile una risposta alla sua domanda. Però è possibile anche la sua ipotesi.