Utente 697XXX
buon pomeriggio dottorei,
premetto che sono una donna di 37 anni e ho sempre sofferto di allergie ad acari e peli del gatto da quando avevo 22 anni, mi è venuta abbastanza tardi, a parte qualche staruto ed episodi d'asma, l'ho sempre sopportata, tra l'altro feci anche un vaccino per un paio d'anni e negli anni successivi andava decisamente meglio..verso i 35 anni le allergie sono aumentate verso la primavera, feci dei test nel 2009 e risultai allergica, oltre agli acari e pelo del gatto anche alla partietaria, graminacee, cipresso e non ricirdo quale altra pianta e in piu' alle lpt - lipid transfer protein..in parole povere m spiegarono di sbucciare bene la frutta e verdura.
questo mi ha condizionato notevolmente la mia alimentazione.
da una nno a questa parte gli episodi di asma sono aumentati soprattutto la sera quando mi sdraio sul letto e ho avuto due casi , uno a novembre 2011 e uno a giugno 2012 di attacco d'asma, piu' prurito palato e agli occhi e come strofinavo gli occhi si gonfiavano molto, come se mi avessero pizzicato delle vespe.
questo sempre di sera e nella mia camera da letto.
tre giorni fa, di nuovo asma con tosse secca, e strana sensazione all'occhi destro come se tirasse un nervo o di gonfiore...ieri sera ho cominciato a grattarlo, perche' poi starnutivo e in due secondi è uscita fuori una specie di bolla, sulla palpebra superiore come di ponfo di zanzra, mi sono spaventata e ho preso uno zirtec da 10 mg...anche oggi mi sento la palpebra tirare verso l'esterno...nn so cosa prendere o cosa pensare eppure di prove ne ho fatte..che diamine mi da fastidio?? sempre di sera e dentro la mia casa...anche se nns ripete tutti i giorni..è una cosa alimentare o no??? mi sapete spiegare che tipo di allergia è con i ponfi all'occhio..ho sempre bisogno di toccarli o grattarli...grazie

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Antonio Corica
40% attività
8% attualità
12% socialità
MESSINA (ME)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2007
Non basta fare le prove allergiche e fare qualche giorno di terapia, ma è utile seguire un piano terapeutico medico e dopo poco tempo eseguire una terapia iposensibilizzante specifica con almeno due vaccini antiallergici nel suo caso specifico visto che ha parecchie sensibilità.

Credo a quanto riesco a capire che lei ha un asma allergico con rinite e congiuntivite.

Pertanto deve essere seguita al fine di stabilizzare la sintomatologia e intraprendere una terapia specifica.

Dott. Antonio Corica