Utente 260XXX
Buonasera, ho 25 anni. da ormai un mese mi è stata diagnosticata una clamidia, credo di avere avvertito subito i sintomi e anche da quello che mi ricordo ho fatto sesso non protetto all'incirca 15-20 giorni prima dei primi sintomi.

Sono andato da un urologo andrologo e ho usato gli antibiotici prescritti regolarmente, controllato la mia dieta come richiesto.

A questo punto devo ripetere l'esame per verificare se la clamidia è sparita ma:
- I sintomi anche se più lievi persistono
- Ho problemi di erezione che non ho mai avuto prima

la mia domanda è la seguente:
La clamidia può causare una prostatite?
Una volta curata la clamidia l'infiammazione (che credo causi le erezioni blande) mi permetterà di ritornare alla normale erezione?
Le eventuali infiammazioni postume possono essere curate?
Per quanto tempo continuerà questa spiacevole situazione?

leggo di molti che hanno combattuto la clamidia per mesi o anni e sinceramente sono un po spaventato, anche perchè a 25 anni è un problema non da poco avere disfunzioni erettili.

Non ho nessun tipo di blocco psicologico, semplicemente ho potuto vedere bene il calo di erezione col passare dei giorni e i sintomi (sensazione di gocciolamento principalmente) riproporsi con continuità

Vorrei anche sapere in quanto tempo generalmente (data la vs esperienza) il tutto viene curato e sia i sintomi che il problema erettile svaniscono.

Grazie mille

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giulio Biagiotti
48% attività
12% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
salve.
la Chlamydia Trachomatis può provocare prostatiti e uretriti.
Il fatto infiammatorio che accompagna l'infezione, in alcuni soggetti, tende a perdurare nel tempo, a volte mesi.
se viene curato ( più pazienza e dieta che farmaci) dovrebbe tornare tutto come prima.
cordialmente
[#2] dopo  
Utente 260XXX

Iscritto dal 2012
Quindi la disfunzione erettile è dovuta all'infiammazione generale di uretra e prostata da quello che capisco...

quindi la mia preoccupazione si deve limitare ad una dieta regolata e un sano stile di vita dopo la cura per la clamidia?

io sottolineo che sono a dieta (no alcol, no cibi piccanti, no caffè, molta frutta e verdura, no cibi complessi) da circa un mese ma credo che finchè non verrà debellata completamente la clamidia sia solo un pagliativo perchè la situazione non peggiori

che farmaci sono consigliati per far passare questa infiammazione?

il lato che mi spaventa sempre è che ci sono soggetti che hanno combattuto per un periodo decisamente lungo, portare pazienza a volte può essere deleterio in quanto si può aver sbagliato strada, quello che volevo capire io è effettivamente se prostatite e uretrite erano solo conseguenze e quindi non dovute a qualche altro motivo

il mio medico è molto bravo e di molta esperienza, ma non di molte parole e non spiega un granchè, quindi al comparire o al non scomparire di sintomi mi preoccupo come farebbe chiunque