Utente 782XXX
Buondì gentili medici,

sono un ragazzo di 29 anni, alto 1.67 x 58 kg, non faccio sport, fumo poco (4-5 sigarette a dì) , non bevo caffè e alcolici, sporadicamente thé freddo.

Vi spiego il mio problema da un paio di gg:

casualmente l'altro giorno ho avvertito una sensazione di "abbattimento" lieve (dovuta forse al caldo) e poco percettibile ronzio alle orecchie e ho detto "misuro la pressione", solo che sono un tipo molto ansioso (in passato assumevo xanax 25mg 2 vd) e non appena mi avvicino alla macchinetta del controllo (specie quelle rumorose nel calcolo dei bpm) vado in ansia e infatti il risultato è stato: 149 - 92. Preso dall'ansia vado in farmacia e la misuro e addirittura risulta 160 - 100. In entrambi i casi i bpm erano di 100. Ho deciso così di andare in farmacia ieri mattina e il risultato è stato 157 - 100 con battiti sempre sui 100. Così nel pomeriggio sono andato dal medico curante spiegandogli la situazione e alla misurazione da lui risultava (sempre in stato ansioso) 140-90 - bpm 100. Mi ha detto che potrebbe essere un fattore ansioso e di continuare a controllarla e se la cosa rimane invariata eventualmente si ragionerà di introdurre farmaci.

Ma ora vi chiedo: dato il mio stile di vita ecc. e la situazione concomitante, può essere davvero l'ansia "da misurazione" a farmela salire o potrebbe esserci un problema? Il fatto è che davvero appena mi avvicino a una macchinetta iniziano ad aumentare i battiti e quindi l'ansia e perciò anche ora è diventato difficile misurarla e non so come comportarmi. Ieri ho anche preso 5 gocce di lexotan su consiglio del medico.

Se non penso a misurazioni e controlli vari, ho sì un lieve stato ansioso-ossessivo di fondo per cui sento il bisogno di misurarla per rassicurarmi che sia regolare, ma non ho battiti cardiaci veloci e altro.

Che cosa mi potete consigliare? Corro dei rischi?

Grazie

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
È vero che l ansia possa aumentare sia la frequenza cardiaca che la pressione arteriosa. Se tali valori dovessero essere confermati , e specialmente se avesse familiarità per ipertensione, potrebbe essere indicata una terapia anti ipertensiva.
Ne parli con il suo medico
Cordialmente
Cecchini
www.cecchinicuore.org
[#2] dopo  


dal 2015
Grazie per la risposta dottore,

ma anche se si trattasse di pressione alta dovuta a fattore emotivo (ansia) occorrerebbe una cura farmacologica (se i valori rimangono tali)?
[#3] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Certo che si. Il cuore non fa differenza se lei sia ansioso oppu se sta vincendo tutti i giorni al totocalcio.
Se la risposta emotiva è di tipo ipertensivo questa va corretta.
Arrivederci
Cecchini
www.cecchinicuore.org