Utente 261XXX
Buongiorno, ho 46 anni e sono miope da quando ne avevo 21 (prima dell intervento os 2,75 od 3,00)
il 16 maggio 2012 sono stata sottoposta a operazione in anestesia totale per distacco retinico.
Od posizionamento cerchiaggio a 12 mm dal limbus. Puntura evaquativa ore 3.30 esocriocoagulazione di rottura retinica ore 2. Posizionamento spugna 7,5x2,5 mm in sede di rottura. Aria 1 cc in cv suture. Paracentesi c.a.
Ho fatto controlli settimanali presso mio oculista e ieri tornando ad un controllo presso l ospedale che mi ha operato xche il mio oculista non era certo di un problema presentatosi, mi è stata verificata l estroflessione del cerchiaggio in silicone che risulta coperto dalla cartilagine. Mi dicono di tenerlo così e di verificare periodicamente. Intanto mi prescrivono un antibiotico x 5 gg e una crema.
Io non sono x niente tranquilla xche nessuno mi dice chiaramente cosa mi aspetta e io mi spavento. X me l operazione e la convalescenza sono stati traumtaici. Ho perso 5,5 diottrie e quando mi alzo senza farlo con calma la vista mi sparisce solo nell occhio operato x poi ritornare. Se tocco la palpebra sento un solco che la percorre ed ho questa escrescenza nel lato dx che strofina quando rivolgo l occhio da sx a dx. Xché se sono costretti a togliere il cerchiaggio dicono che non lo possono piu mettere? E quindi? Poi perdero la vista? Cosa mi aspetta? Avro sempre questa spada di damocle sulla testa? Scusate le domande dirette ma preferirei sapere come stanno le cose senza tanti giri di parole. Grazie anticipatamente x una vs. risposta. Saluti. Chiara
[#1] dopo  
Dr. Luigi Marino
56% attività
16% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2004
Prenota una visita specialistica
cara Chiara
a Monza si fa la migliore chirurgia vitreoretinica possibile.
Sono convinto che Lei sia in un buone mani
ma lei ha un problema che va affrontato e risolto.
Se vuole faccia un salto in Istituto.
[#2] dopo  
Utente 261XXX

Iscritto dal 2012
La ringrazio Dr. Marino.
Io sono stata operata a Niguarda e li mi e stato detto di tornare a fine agosto inizi settembre per verificare lo stato dell estroflessione cerchiaggio in silicone.
Non so se dovranno intervenire o lasciare le cose come stanno. Intanto andrò in vacanza purtroppo per niente rilassata.
Buona serata e grazie ancora.
Cordiali saluti
Chiara
[#3] dopo  
Dr. Luigi Marino
56% attività
16% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2004
per qualsiasi necessità mi contatti
anche al Niguarda sono Bravissimi...
[#4] dopo  
Utente 261XXX

Iscritto dal 2012
Buongiorno Dr. Marino,
a seguito di un controllo sullo stato dell'estroflessione del silicone mi é stato detto che pur essendo sporgente (e sfrega contro la palpebra) é consigliabile non intervenire perché il silicone é ben coperto dalla congiuntiva e intervenire significherebbe subire un operazione analoga a quella già fatta con il rischio che togliendo il cerchiaggio la retina si stacchi di nuovo. Purtroppo non ho capito se questa cosa si ridimensiona col tempo e l'estroflessione del cerchiaggio rientra da se e neppure se col tempo riacquisterò alcune diottrie (ero 2,75 ed ora me ne mancano ca. 6). Mi é anche stato detto che non é consigliabile rifare le lenti con le esatte diottrie perse perché il divario tra l'occhio "sano" che ha soltanto 2,50 diottrie in meno e quello operato é troppo ampio e rischierei dei problemi di equilibrio.
Lei saprebbe darmi qualche informazione in più.
Grazie mille anticipatamente e saluti
Chiara