Utente 262XXX
Ho quella che viene definita una "fimosi non serrata" (riesco a scoprire il glande per intero manualmente, ma in fase di erezione il glande rimane coperto perché il prepuzio è molto sovrabbondante). Questa anomalia mi causa problemi in fase di igiene: la pelle del glande è ipersensibile e toccarla mi provoca una sorta di solletico insopportabile. Inoltre, ci sono i problemi psicologici: questa grave malformazione mi impedisce, di fatto, di avere relazioni sessuali con le donne perché mi vergogno dell'anormalità dei miei genitali. Dopo una visita andrologica, lo specialista mi ha consigliato di ricorrere alla rimozione chirurgica del frenulo, che però non è servita a nulla. A questo punto, temo che l'unica terapia rimasta sia la circoncisione. Questo intervento però mi terrorizza e temo che possa peggiorare le cose, e per questo lo rinvio in continuazione (ora ho 32 anni suonati...). Ho paura, intanto, che il glande rimanga ipersensibile anche dopo l'intervento, e che quindi trovandosi "scoperto" la sensazione di fastidio diventi continua e insopportabile; o peggio che perda del tutto ogni sensibilità (mi hanno detto che la perdita di sensibilità è un effetto collaterale molto comune dell'operazione). Ho molta paura anche del contraccolpo psicologico: è pur sempre una mutilazione e mi è stato detto da più parti che le donne sono generalmente disgustate dai peni circoncisi (salvo, forse, le praticanti di alcune religioni), per cui forse con l'intervento peggiorerei le cose. Temo quindi che il rimedio possa risultare molto peggiore del male, e per questo ho bisogno di un consiglio... Grazie

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Caro signore,
calma e gesso. Faccio copia incolla visti i numerosi quesiti.
Questo intervento però mi terrorizza e temo che possa peggiorare le cose, e per questo lo rinvio in continuazione (ora ho 32 anni suonati...). ORA NON RINVII PERCHE' SECONCO LEI E' TROPPO TARDI
Ho paura, intanto, che il glande rimanga ipersensibile anche dopo l'intervento, e che quindi trovandosi "scoperto" la sensazione di fastidio diventi continua e insopportabile; NON E' VERO, AL MASSIMO IN DUE MESI TUTTO SIO NORMALIZZA, SE IN QUESTO PERIODO DA FASTIDIO BASTA VASELINA BORICA SPALMATA SOPRA.
o peggio che perda del tutto ogni sensibilità (mi hanno detto che la perdita di sensibilità è un effetto collaterale molto comune dell'operazione). BALLE, LA LETTERATURA E' CONCORDE: AVVIENE UN MIGLIOR CONTROLLO DELLE SENSAZIONI.
Ho molta paura anche del contraccolpo psicologico: è pur sempre una mutilazione e mi è stato detto da più parti che le donne sono generalmente disgustate dai peni circoncisi (salvo, forse, le praticanti di alcune religioni), per cui forse con l'intervento peggiorerei le cose. VISTA LA FREQUENZA CON CUI SI PRATICA L' INTERVENTO LEI E' COME IL SOGGETTO CHE SI FA UN COMPLESSO DEI PROPRI OCCHI AZZURRI, SOSTENENDO CHE QUELLI CON OCCHI NERI SONO I PREFERIOTI DALLE DONNE. PENSO CHE SIA IL CASO DI UN COLLOQUIO PSICOLOGICO A PRESCINDERE DALLA CIORCONCISONE PER SISTEMARE UBNA SERIE DI PAURE IMMOTIVATE.SCUSI SE SONO DIRETTO.