Utente 126XXX
Buongiorno
Vorrei un'imformazione deve venire ad abitare da me, per un certo periodo un parente che due anni fà,è stato trattato con interferone in quanto aveva contratto epatire C Ora sembra non abbia grossi problemi,vorrei sapere se cè pericolo per noi in famiglia, e che accorgimenti dovremmo adottare per non essere contagiati sempre che ci sia pericolo di un contagio.
la ringrazio moltissimo di una sua cortese risposta
cordiali saluti
[#1] dopo  
Dr. Francesco Quatraro
52% attività
4% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2012
L'epatite C si trasmette principalmente per via parenterale, cioè attraverso il sangue, e , con minor frequenza per via sessuale.

Perciò deve essere presente una "porta" di uscita del sangue, lesione, ferita, ed una "porta" eventuale di entrata,
sempre sotto forma di lesione o comunque cutanea o mucosale.

Occorre sempre attenzione, specie quando si hanno lesioni cutanee o mucose, e si entra a contatto con sostanze ematiche o liquidi biologici di persone infette.

Per evitare il contagio dell'epatite C (se vi è un malato in famiglia) è opportuno seguire le raccomandate norme quali:
evitare lo scambio di oggetti personali quali rasoi, spazzolini da denti, pettini, forbicine, pinzette.

Saluti