Utente 264XXX
Sono stato sposato per 25 anni con una moglie che ha lasciato progressivamente degradare il suo corpo fino a renderlo indesiderabile. Questo mi ha causato un calo del desiderio tale che i rapporti si erano ridotti a due-tre l'anno. Gli ultimi erano incompleti, avevo difficoltà d'erezione.
Ci siamo separati e adesso ho un'altra donna, molto bella e con un corpo da desiderare. Come prevedevo, alla prima prova ho avuto erezione breve e rapporto fallito. Il medico mi ha prescritto il Levitra 10 mg, ma ho fallito anche con quello per tre volte. Non ho erezione se non con sforzo, e poco duratura, e non sono piu' capace di eiaculare. La mia compagna è molto paziente e dà ugualmente grande valore al nostro rapporto, ma ovviamente desidero che questo sia completo con una sana e regolare attività sessuale.
Che cosa devo fare adesso?

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro Utente,modificare il pattern dei rapporti sessuali con la donna convivente può,spesso,portare ad un calo della resa sessuale,particolarmente con una donna occasionale con la quale l'ansia da prestazione è sempre in agguato. Credo,però,che,guardando al futuro,la necessità di porre una diagnosi andrologica con valutazione vascolare,ormonale e prostatica,sia ineludibile,considerando la scarsa risposta ai farmaci proerettili e la difficoltà riferita nella eiaculazione.Banalizzare il problema con terapie non giustificate dalla diagnosi,può solo rafforzare gli aspetti psicologici.Contatti un esperto andrologo.Cordialità.
[#2] dopo  
Utente 264XXX

Iscritto dal 2012
Seguendo il consiglio del dr. Izzo sono andato dall'andrologo, che mi ha prescritto alcuni esami e il risultato è il seguente:

LH = 1,6 mUI/mL

FSH = 2,5 mUI/mL

ESTRADIOLO = 12,6 pg/mL
46,2 pmol/L

PSA totale = 0,34 ng/mL

PSA libero = 0,13 ng/mL

Sull'esame obiettivo l'andrologo ha scritto:

E.O g.e nella norma - prostata media regolare e non sospetta

Lui aveva scritto anche T totale eT libero ma non trovo quei valori nell'analisi. E' stata una svista del medico di base? Devo chiedere di nuovo la prescrizione o ci sono già delle indicazioni con le analisi fatte?
[#3] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
...si limiti al solo testosterone totale,in quanto il libero è poco attendibile per problemi legati ai reagentil.Cordialità.
[#4] dopo  
Utente 264XXX

Iscritto dal 2012
Finalmente ho l'analisi del testosterone e sono andato di nuovo dallo specialista.
Valori:
Testoterone 291,5 ng/dL (241,0-827,0)
10,20 nmol/L (8,43-28,94)
Testosterone libero 8,2 pg/mL (maschi 4,0-20,0)

L'andrologo, il terzo che mi ha visitato da giugno, mi ha detto in sintesi:
- non mi può prescrivere una cura di testosterone perchè i valori, che sono effettivamente bassi, sono entro le tolleranze;
- non sa che cosa consigliarmi per il mio problema, che potrebbe anche non risolversi;
- l'unica sessuologa seria che conosce è la dr.sa Graziottin, se proprio voglio fare un consulto di approfondimento;
- mi ha raccomandato di diffidare di andrologi che fanno promesse di successo, e soprattutto di lasciar perdere le erboristerie;
- per un possibile aiuto mi ha fatto le ricette per i seguenti farmaci:

--- cialis 20 mg, compresse da spezzare in due, prenderne mezza almeno 2-3 ore prima d'iniziare il rapporto e solo in caso di problemi d'erezione

--- sensimev blu, 1 flacone la mattina il lunedì, 1 il mercoledì, 1 il venerdì per 1-2 mesi.

Sono tenace e non mi arrenderò facilmente, anche perchè ho una donna che mi vuole bene a prescindere, ed è molto paziente. Però la risposta di quest'andrologo è stata piuttosto deludente.

Grazie a chi mi vorrà dare consigli, che ascolterò con grande interesse.