Utente 241XXX
Salve, premetto che soffro di depressione ed attacchi di panico da anni, recentemente come tutti gli ansiosi ho effettuato un controllo specialistico dal cardiologo, ecg, ecocuore, etc..Tutto a posto. Recentemente sono stato male, forte tachicardia 120 battiti al minuto, il medico della guardia medica mi dice che ho una tachicardia parossistica, magari flutter atriale, mi manda al pronto soccorso, e loro mi trovano l'ecg perfetto, una leggera tachicardia che definiscono Sinusale. Ora vorrei capire come possa quel medico avermi detto di una tachicardia parossistica cosi con leggerezza quando tra le due intercorre molta differenza, gettandomi ulteriormente nel panico. 120 Battiti al minuto è gia parossistica? se qualcuno puo rispondermi, grazie e cordiali saluti.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Mariano Rillo
48% attività
20% attualità
20% socialità
LATINA (LT)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
Se nel momento in cui ha fatto l'ECG al PS l'accelerazione del battito era ancora presente la diagnosi formulata di tachicardia sinusale è corretta e quindi esclude la tachicardia parossitica. Del resto le crisi di panico delle quali soffre giustificano questo tipo di diagnosi. Da una semplice valutazione clinica, in assenza di ECG, non è possibile formulare la diagmosi di tachicardia parossistica sopraventricolare.
Cordiali saluti
[#2] dopo  
Utente 241XXX

Iscritto dal 2012
..La ringrazio delle risposta, quando sono arrivato al pronto soccorso diciamo che ero riu scito con una tecnica di respirazione antipanico a calmarmi un pò, all'anmnesi dell'infermiere all'accettazione del pronto sccorso ero sui 110\bpm al minuto. Durante l'elettrocardiogramma invece ero a detta del medico dell'ospedale regolare e mi ha detto che l'Ecg era perfetto, cosi come era andata benissimo la precedente visita ecg ed ecocuore fatta dal cardiologo. Non capisco come questo medico della guardia di turno, sentendomi il polso abbia potuto dirmi che era tachicardia parossistica e quanto ho sopra riportato, dal momento che anche lei che è uno specialista cardiologo mi conferma che sentendo il posto non puo essere fatta senza un ecg una diagnosi clinicaa per definire il tipo di tachicardia. Vorrei segnalare questo ""medico"", per la sua negligenza, vorrei capire da uno specialista come lei se ha avuto "obbiettivamente" un comportamento clinicamente parlando, per usare un eufemismo, poco avveduto o criminoso...grazie della sua cordiale risposta.
Distinti Saluti
[#3] dopo  
Dr. Mariano Rillo
48% attività
20% attualità
20% socialità
LATINA (LT)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
Niente di "criminoso" o poco avveduto. Il collega ha solo formulato una diagnosi sospetta e effettivamente un aumento importante dei battiti percepiti al polso può essere compatibile con una tachicardia parossistica....solo che la diagnosi può farla solo un ECG durante l'episodio di accelerazione dei battiti. Si tranquillizzi. Se la cosa si ripete può eseguire un Holter ECG tenendo però sempre presente che ha valore diagnostico solo se durante la registrazione si verificano gli episodi di tachicardia che lei riferisce.
Cordialità