Utente 233XXX
Gentili dottori,
sono ragazzo 20enne, non fumatore, non bevitore di alcolici. Non ci sono familiarità con problemi di cuore in famiglia, non ho problemi di diabete, sono alto 175 per 58 kg. Sono un ragazzo molto ansioso e da mesi ho una paura tremenda di avere problemi al cuore. Quello che più spaventa sono delle fitte alla spalla sinistra che si intesificano ogni tanto durante la giornata, e aumentano col respiro e inoltre ho dei dolori al lati sinistro del petto. Capita ogni tanto che ho anche dolore al centro dello sterno e al pettorale sinistro. Ho fatto varie visite in questi, 5 ecg, un sotto sforoz, eco, ex, esami del sangue, holter. Non è risultato niente se non qualche holter. L'ultima settimana sono stato al PS per questa spalla e la paura si tratasse del cuore. Mi hanno fatto esami, rx e ecg. Non è risultato niente. Ma io non riesco a convincermi. Questa notte sono stato poco bene perchè sono andato a letto con queste fitte della spalla, poi di punto in bianco ho cominciato a sentire formicolii alle mani, e allora mi sono spaventato. Ho resistito a non andare al PS ma ho ancora molta paure. Ho paura che quando sento questi dolori alla spalla sono in mezzo ad una angina e tutti gli esami che ho fatto non sono riusciti a vedre niente. E'una cosa plausibile? Potrebbero essere segnali di infarto? Sopratutto queso formicolio che ho sentito sta notte. Dicono tutti si tratta di ansia e da una settimana sono in cura da uno psicologo. Ma io non sono matto, io questi sintomi li senti e ho paura che siano tutti segnali premonitori di un infarto.
Cosa mi dite voi? Devo tranquilizzarmi? E'possibile si tratti di segnali premonitori? O mi sarebbe già venuto? Dovrei ripetere una visita cardiologica?
Grazie

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Chiara Lestuzzi
28% attività
12% attualità
20% socialità
AVIANO (PN)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2012
Il rischio di avere angina in un soggetto come lei, giovane, magro, senza familiarità, è bassissimo. I dolori non sembrano di origine cardiaca (cambiano con il respiro, si intensificano durante il giorno ecc.)
Se ecocardiogramma, ECG sotto sforzo ed ECG in pronto soccorso durante il dolore sono negativi, direi che il dolore non è -verosimilmente- angina. Pare che sia stato fatto anche un eco -risultato normale- che escluderebbe altre patologie. L'associazione fitte e formicolii piuttosto fa pensare a qualcosa legato o all'articolazione della spalla (periartrite?) o alle cervicali con nevralgia. Anche l'irradiazione al pettorale fa pensare a una nevralgia. Il mio consiglio è di rivolgersi a un fisiatra che valuti (con l'esame obbiettivo ed eventualmente con una radiografia) se ci sono problemi di compressione delle radici nervose a livello cervicale e se eventualmente una terapia con manipolazioni può essere utile. Nel frattempo, può provare a prendere per qualche giorno degli anti-infiammatori per bocca o anche come gel da applicare sulla parte posteriore del collo e sulla spalla che duole. Se funzionano la mia ipotesi si rafforza.
[#2] dopo  
Utente 233XXX

Iscritto dal 2011
Grazie gentile Dott.ssa,
purtroppo da vari mesi vivo in un forte stato d'ansia e sono anche in cura da poco presso un psicologo. Sono sempre molto agitato e qualsias battitio mi sembra irregolare mi agita moltissimo. Sento spesso delle contrazioni muscolari a livello del fianco sinistro e ho sempre paura si tratti del cuore, anche se il mio medico di basse ha detto che si tratta di spasmi muscolari/intestinali a livello del colon o stomaco. Soffro anche di una leggera gastrite e ho difficoltà a digerire. Inoltre faccio vita sedentaria, sto sempre seduto e ho la spina dorsale più 'dritta' del normale. Spero che questi dolori dipendano da questo, e non dal cuore.
Grazie
[#3] dopo  
Dr. Chiara Lestuzzi
28% attività
12% attualità
20% socialità
AVIANO (PN)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2012
La mia ipotesi si rafforza: si tratta molto probabilmente di spasmi c ome ha detto il suo medico. E la schiena diritta più la vita sedentaria predispongono alle patologie cervicali. Provi un gel antidolorifico/anti-infiammatorio su collo e spalla (con la gastrite meglio evitare le pastiglie) e cerci un fisioterapista, possibilmente anche posturologo.
[#4] dopo  
Utente 233XXX

Iscritto dal 2011
La ringrazio per il aiuto dott.ssa.
Buona serata