Utente 273XXX
Buonasera,
lo scorso capodanno mi è esploso un peterdo nella mano destra, questo scoppio ha provocato frattura del carpo, metacarpo, mignolo, e parte prossimale del pollice,inoltre il dito medio risultava contuso.In seguito allo scoppio mi è stata parzialmente amputata la parte distale del pollice.Dopo l'intervento chirurgico è tornato tutto nella "norma", tranne la parte distale del medio (falangetta) la quale da subito è risultata molle,inoltre se applico anche una piccola pressione su essa sento l'osso. L'unghia cresciuta in seguito appare più sottile e con puntini scuri sulla superficie.Nonostante ciò però questa parte è dotata di sensibilità e capace di movimento.Quando ho fatto presente di ciò l' equipe che mi ha operato mi ha detto che nn sapevano di cosa si trattasse.
Spero in un vostro consulto.
Cordiali saluti Roberto

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività
20% attualità
16% socialità
TRANI (BT)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Gentile Sig. Roberto,

purtroppo i traumi da scoppio lasciano sempre delle sequele anatomiche e funzionali sulla mano.

Una valutazione indiretta è di fatto impossibile, dato che si tratta di dettagli; tali dettagli, però, sono essenziali per poter decidere se esistono o meno le condizioni per un ulteriore recupero, con o senza un successivo intervento chirurgico.