Utente 121XXX
Buongiorno,
volevo porvi un dubbio al quale l'erborista non mi ha saputo rispondere (ovvero mi ha risposto con "no, non credo ti faccia male.. prendile pure!!").
Ho tantissime allergie alimentari e soprattutto di stagione.
Ho fatto diversi esami del sangue (che rifaccio puntualmente ogni tot anni) che confermano la mia allergia a praticamente tutte le piante di qualunque stagione.

Per affrontare l'inverno volevo provare un prodotto chiamato 'Scudo' che contiene (oltre ad altre cose) soprattutto ECHINACEA trita ed essiccata in opercoli, da prendere due volte al giorno.
Cercando su internet ho scoperto che l'echinacea fa parte della stessa famiglia dell'ambrosia.
Una delle allergie più forti che ho è proprio verso i pollini dell'ambrosia.

L'erborista mi ha detto che 'non c'erano problemi' ma sinceramente non fido molto.
La domanda dunque è: è meglio evitare data la mia allergia oppure, visto che è essiccata e va direttamente nello stomaco non dovrebbe crearmi problemi?

Grazie per il consulto.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
156628

Cancellato nel 2015
Egregio utente,
Lei ha chiesto all'oste se il vino è buono! ^_____^
Battute a parte, è vero che l'Echinacea appartiene alla famiglia delle Asteracee (o composite), la stessa dell'Ambrosia.
Non pratico fitoterapia, per cui non posso darLe notizie basate sulla mia esperienza personale. Posso però dirLe che:
- anche l'Echinacea è potenzialmente in grado di indurre reazioni gravi;
- esiste un'allerta generica sull'uso dell'Echinacea negli allergici e soprattutto negli allergici alle Asteracee, nei quali è pertanto sconsigliata.
Il fatto che sia essiccata non significa nulla.
Per quanto di mia conoscenza, peraltro, l'Echinacea troverebbe indicazione nelle riniti acute e non come trattamento preventivo a medio/lungo termine.
Per eventuali ulteriori informazioni potrebbe chiedere anche nella sezione delle medicine non convenzionali.
Saluti,