Utente 274XXX
Salve,il 14 febbraio vengo operato alla mano destra causa rottura flessore profondo e superficiale del medio manodx all'altezza della prima falange. Dopo un po di riabilitazione mi accorgo che la l'ultima falange non la muovo. il 14 Aprile subisco un nuovo intervento esito dell'intervento positivo che ha previsto innesto di 0,5 cm di tessuto cicatriziale( come leggo da referto, il tendine superficiale viene asportato x non creare conflitto mi dicono) inizia la riabilitazione , a distanza di 6 mesi il risultato non credi sia soddisfacente. Mi era stato detto che avrei avuto una mano funzionale ma nel piegare il dito la distanza tra prima falange e terza è più circa un cm! ciò non mi impedisce di suonare correttamente il pianoforte ma vorrei migliorare ! nella motricità fine ho enormi problemi così come pure nel prendere sacchi oggetti pesanti ecc...cosa si può fare? cosa fare x migliorare, un nuovo intervento? c'è da dire che nella zona operata c'è una parte molto dura insensibile, è questa che mi impedisce il corretto piegamento del dito? Vi prego aiutatemi mi dicevano che i tendini si recuperano sempre ...dovrò portarmi questa invalidità x tutta la vita? io la vorrei ridurre l'invalidità farsì ke il piegamento sia maggiore grazie! in attesa di una risposta porgo distinti saluti

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività
20% attualità
16% socialità
TRANI (BT)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Gentile Signore,

non so chi possa aver detto che "i tendini si recuperano sempre ...", ma è una vera sciocchezza.

La chirurgia dei tendini, soprattutto dei flessori, è complessa e può dare amare sorprese.

Bisogna valutare con molta attenzione se il deficit residuo di flessione del dito è tale da giustificare un terzo intervento, oppure se conviene lasciare le cose come stanno.

Occorrerebbe una valutazione più diretta....

Buon W.E.